logo1

Pericolo valanghe, i consigli del tecnico del Soccorso alpino

Per vivere la montagna invernale in sicurezza regola d'oro è essere informati, consultare sempre il bollettino valanghe ARPA. Arva, sonda, pala e zaino airbag possono salvare la vita

 

soccorso alpino4

 

Sicurezza in montagna e pericolo valanghe, un tema d'attualità alla luce dei tragici incidenti di questi giorni sulle vette italiane, l'ultimo ha avuto come vittima una ragazzina. Sono previste nuove nevicate, anche abbondanti nei prossimi giorni, il pericolo valanghe in quota, nei percorsi fuori pista, resta forte. Abbiamo chiesto al soccorso alpino come è possibile esplorare la montagna, in questa stagione, in sicurezza. <Per prima cosa occorre essere informati> riferisce Giuseppe Burlone, tecnico del Soccorso alpino X Delegazione Val d'Ossola. La cosa migliore è dunque fare sempre riferimento al bollettino valanghe di ARPA, che indica il grado di pericolosità nei diversi territori. E' poi importante conoscere bene il luogo nel quale ci si reca, la quota, l'esposizione, i pendii, e ancora avere lucida consapevolezza della propria preparazione fisica e tecnica.

Nel malaugurato caso ci si dovesse poi trovare coinvolti in una valanga, esiste un kit che puo' salvare la vita, nostra e quella dei compagni d'escursione. Tre gli elementi fondamentali da avere addosso o nello zaino: il trasmettitore ARVA, la pala e la sonda. Occorre naturalmente essere addestrati al loro uso. Importante poi in caso si venga travolti dalla neve è essere dotati di uno zaino airbag, l'ultima frontiera tecnologica in questo campo; aumenta il nostro volume e i volumi più grandi tendono a galleggiare; nel caso in cui restassimo sepolti poi, sgonfiandosi, rende disponibile una maggiore camera d'aria per la sopravvivenza.

Proprio per approfondire queste tematiche il Soccorso Alpino X Delegazione Val d'Ossola organizza per domenica 21 gennaio la mattinata "Sicuri sulla neve", aperta a tutti, nella piana dell'Alpe Devero a partire dalla 9.

Pin It

Ricetta della settimana