logo1

La pioggia non ha fermato la Carcavegia di Premosello e Colloro

Alla vigilia dell'Epifania l'accensione dei due roghi per dare il benvenuto al nuovo anno

premosello carcavegia

 

La pioggia non ha fermato la Carcavegia di Premosello Chiovenda. Tanti gli ombrelli aperti ma la gente, grandi e piccoli, con cappucci e berretti calati sulla testa, è scesa in piazza alla vigilia dell'Epifania per assistere al tradizionale falò nel letto del rio che taglia in due il paese.

Alta la catasta di legna preparata dai giovani premosellesi, sulla sommità come sempre i fantocci che rappresentavano l'uomo e la donna più anziani del paese: Ida Badani, classe 1924, e Sergio Arcioli, classe 1929. Il suono dei campanacci ha accompagnato l'accensione del rogo, poi man mano le lingue di fuoco si sono fatte più vigorose ed imponenti ed hanno divorato la legna, avvolgendo i dintorni di un denso fumo con qualche svolazzo di cenere.

E' una tradizione antica quella della Carcavegia nel comune della bassa Ossola, un modo per salutare il vecchio anno e lasciarsi alle spalle quanto di brutto è accaduto, per iniziare quello nuovo nel migliore dei modi. Un rito ed una tradizione ancora molto sentiti che vedono protagonisti proprio i ragazzi, insieme ai due anziani bruciati sulla pira ma con finalità assolutamente benaugurali.

Ed un'altra tradizione è la storica rivalità con la soprastante frazione di Colloro: accanto ai fuochi s'accende anche la competizione su chi realizza il falò più grande, più spettacolare, quello che dura più a lungo. Così anche venerdì sera lassu' sul versante della montagna che domina su Premosello ha preso vita il fuoco gemello, una luce che ha rotto il buio della notte.

La Carcavegia si dimostra come sempre un'occasione per stare insieme, per fare quattro chiacchiere e ridere un pò. In una serata umida ma non così fredda: c'erano infatti 4 gradi. Per tutti i partecipanti dopo i falò i classici vin brulé, cioccolata e panettone; la voglia di stare insieme ha vinto il maltempo.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ricetta della settimana