logo1

Sindaco di Formazza contro Poste Italiane

 

 

Il sindaco di Formazza contro Poste italiane : ''Taglia i servizi e chiede sconti sull'affitto. Inammissibile''

 

formazza municipio

Un mese fa avevano annunciato tagli ai servizi, adesso chiedono lo sconto sull'affitto.

Poste Italiane non finisce mai di stupire.

In questi giorni, il sindaco di Formazza, Bruna Papa, ha ricevuto una lettera dal responsabile dell'area immobiliare Nord Ovest di Poste Italiane.

Che chiede uno "sconto" sull'affitto dei locali dell'ufficio postale, ufficio che è all'interno del municipio di Formazza. Tra l'altro, il Comune vi ha eseguito di recente una serie di importanti lavori per il miglioramento degli spazi e la fruizione da parte dei diversamente abili.

Al Comune ossolano, Poste Italiane paga un affitto di 1200 euro l'anno, cioè100 euro al mese, somma che comprende il riscaldamento.

Il sindaco non ci sta e ribatte e muso duro: "Poste ha modi assurdi che confermano la profonda lontananza di Poste dalla vita reale e anche dalle aree interne. La loro non è una richiesta, bensì un ricatto: se non accettiamo di fare uno sconto, ci inseriscono nei prossimi piani di razionalizzazione. Non è comportamento degno di un'azienda pubblica, a controllo statale, che riceve risorse pubbliche per erogare dei servizi ai cittadini, i quali peraltro sono uguali a Formazza come a Torino o Roma. Poste ha tagliato servizi, ridotto orari di sportello, portato la consegna della corrispondenza a 10 giorni su 30 al mese. E ora che fa? Arriva a minacciare i Comuni? E' innammissibile''.

Il sindaco formazzino aspetta ancora i dirigenti del settore Nord Ovest di Poste che avevano promesso che sarebbero saliti a Formazza per spiegare i tagli. Non si sono mai visti: a parlare con lei hanno mandato una funzionaria da Domodossola.

 

Renato Balducci

 

Pin It

Ricetta della settimana