logo1

Superstrada chiusa due ore. E in Ossola aspettano migliorie

Maltempo causa incidente in superstrada. Arteria chiusa per due ore. E intanto gli automobilisti reclamano le migliorie promesse

superstrada pioggia

 

Ancora problemi sulla superstrada dell’Ossola. Stamattina, dopo le 8, la corsia sud tra gli svincoli di Villadossola e Pieve Vergonte è stata chiusa a causa di un incidente provocato da una delle buche presenti sulla carreggiata, buche causate dalla pioggia di questi giorni.

L’incidente ha visto il danneggiamento di un’auto che non è  riuscita ad evitare la buca e costretto a una brusca manovra altre due vetture che si sono urtate. Il tratto di statale 33 è  rimasto chiuso quasi due ore: sul posto tecnici dell’Anas, carabinieri e polizia.

Una situazione, quella della ‘’33’’,  che ormai si trascina da anni, senza  che gli automobilisti vedano miglioramenti.  Anas promette da tempo interventi ma la superstrada resta un tracciato ad alto rischio. Pochi giorni fa i dirigenti di Anas hanno promesso interventi sui giunti della strada, ma questi non solo il solo nodo di un’arteria nata male.

Pochi anni fa l’allora assessore provinciale alla viabilità, Gianpaolo Blardone, dichiarava che in caso di pioggia evitava regolarmente di percorrere la ‘’33’’. Nulla è cambiato: quando piove diversi tratti si trasformano un pozze d’acqua pericolose. Senza contare che si trascura anche la situazione ambientale. La gran parte delle piazzole di sosta sono diventate discariche a cielo aperto, con l’abbandono di rifiuti da parte di maleducati e incivili. Senza che nessun venga mai multato.

Non ultimo, a conferma del difficile rapporto tra enti locali e Anas, la denuncia del sindaco di Formazza, Bruna Papa,  che lamenta come da anni attenda che venga completato  il progetto, già approvato, per la realizzazione del paravalanghe alla cascata del Toce.  Qui, ogni anno, il pericolo valanghe costringe Anas a chiudere la strada nonostante nella piana di Riale ci siano molte attività commerciali e turistiche, ma soprattutto dighe che raccolgono 44 milioni di metri cubi di acqua, invasi che dovrebbero, per sicurezza, essere raggiungibili tutto l’anno.

 

Renato Balducci

Pin It

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa