logo1

 domodossola stazione

Stazione internazionale Domodossola poco sicura

 

Se Anis Amri fosse passato da Domodossola non se ne sarebbe accorto nessuno. Il terrorista autore della strage al mercatino natalizio di Berlino è rientrato in Italia passando da Bardonecchia, Torino per raggiungere Milano. Le telecamere lo hanno filmato in tutte le stazioni.

 

Ma se il tunisino avesse deciso di lasciare la Germania e attraversare la Svizzera arrivando a Domodossola, difficilmente sarebbe stato filmato: nonostante si tratti di una stazione di frontiera è totalmente sguarnita di telecamere.

Una situazione che più volte la Polizia ferroviaria ha sottoposto, senza esito, alle Ferrovie. Questioni di sicurezza, data la posizione strategica di confine, dovrebebro indurre le Ferrovie a installare un sistema di sorveglianza molto utile alle forze dell'ordine.

Invece, la stazione internazionale ne è totalmente sguarnita. Il Prefetto del Vco, Iginio Olita, se ne sta interessando: chiederà a Centostazioni, proprietaria dello stabile, di posare un sistema di videosoveglianza.

A dire il vero la stazione ha altre carenze. La più evidente è l'assenza di scivoli che permettano ai disabili di raggiungere più agevolmente i binari. Le scale sono un ostacolo per chi vive su una carrozzina. Senza contare che hanno chiuso, uno dopo l'altro, i pochi negozi che c'erano. L'ultima è stata l'edicola.

Intanto, anche stamani sette clandestini eritrei sono stati respinti a Domodossola dalla polizia svizzera: avevano cercato passare nascosti nei camion che sono trasportati dai treni hupac. Stratagemma utilizzato ogni giorno proprio dagli eritrei.

Invece sul treno notturno 220 è stato arrestato un iraniano che viaggiava verso la Svizzera con una carta di identità romena risultata falsa. Dopo l'arresto è stato rimesso in libertà dalla magistratura.

Renato Balducci


Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa