logo1

Ipotesi 40 nuovi migranti a Druogno, popolazione pronta ad azioni eclatanti

druogno albergo stazione

Ma dalla Prefettura smentiscono e scrivono: 'In atto non è prevista la destinazione di richiedenti asilo in strutture del Comune di Druogno'

Druogno dice no all’arrivo di nuovi profughi. Affollata riunione questa mattina in municipio. L’incontro, organizzato da un comitato spontaneo, ha visto la partecipazione di un centinaio di persone che si sono confrontate con il sindaco Zanoletti sull’ipotesi – per ora solo tale – dell’arrivo di 40 profughi in paese. La vicenda è già da qualche giorno al centro del dibattito in rete, approdata sui social dove alcuni utenti darebbero la cosa ormai per  fatta. Si fanno anche i numeri e la destinazione: 40 migranti in arrivo, presso l'ex albergo stazione. Il sindaco Zanoletti non ha confermato ma non ha neppure potuto smentire la cosa: “Dalla prefettura mi hanno comunicato che non è previsto l’arrivo di migranti presso strutture pubbliche” ha detto. Una dichiarazione, questa giunta dagli uffici di Villa Taranto, che lascerebbe però spazio a diverse interpretazioni: e potrebbe avvalorare la tesi di chi parla dell’ex albergo della stazione. “A Druogno vivono 42 extracomunitari che si sono perfettamente integrati. Non siamo razzisti” ha precisato il primo cittadino. Che poi ha subito aggiunto: “Un percorso di integrazione per essere tale deve però essere condiviso con la comunità locale: possiamo pensare ad un’accoglienza di tre, al massimo cinque profughi ma non di un numero così elevato”.  Tanti i timori espressi dagli abitanti che hanno rimarcato la vocazione turistica del Comune vigezzino e la presenza di numerose strutture legate allo sport e alle scolaresche nei pressi della stazione e dell’ex albergo, tra cui: il Parco di Educazione Stradale e lo stabile della Colonia montana che ospita in estate i centri estivi. Timori anche per la vicinanza della stazione sui cui treni della Vigezzina transitano giornalmente tantissimi studenti e scolari.  Al termine della riunione è stata anche avviata una raccolta firme e la popolazione si dice pronta ad azioni eclatanti.  

In serata la Prefettura ha diffuso una nota ufficiale dove si invita a non creare inutili tensioni e proteste da parte della popolazione  e ad una verifica diretta con gli uffici di Villa Taranto dai quali confermano che, dopo ulteriore colloquio appena intercorso con il sindaco di Druogno,  in atto non è prevista la destinazione di richiedenti asilo in strutture del Comune di Druogno.

di Marco De Ambrosis


Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa