logo1

Omegna, altra occasione persa. L'ennesima

omegna generica vale bassa

La revoca del  contributo di 640mila euro dalla Fondazione Cariplo è lo specchio di una città in continua agonia, che non riesce a fare comunità e ad uscire dalla crisi

L’ennesima occasione persa. L’ultima di una serie lunghissima per una città che, ogni giorno,prolunga la sua agonia. Perdere un contributo di 640mila euro, da qualunque parte la si guardi, in questo particolare momento storico, è uno schiaffo che arriva forte in pieno volto. E che fa male, tremendamente male. Perché questa, diciamolo a chiare lettere, è una sconfitta collettiva, dove nessuno, e sottolineiamo nessuno, è esente da colpe e responsabilità. Si aprano gli occhi: Omegna sta morendo o, forse, è già morta da un pezzo, nonostante gli sforzi di chi non vuole arrendersi: commercianti, associazioni, mondo dello sport e del volontariato, dove le eccellenze ci sono. Stendiamo invece un velo pietoso su tutto il resto: forse oggi è meglio che qualcuno si guardi allo specchio e si interroghi sui propri errori, in religioso silenzio.  Interessano  poco o nulla, ai cittadini, lo scaricabarile, il rimpallarsi gli errori, le logiche di potere di certa politica che è stata la rovina di questa città. I treni sono passati, mentre qui si è rimasti all’età della Pietra. Difficile invocare un cambio di marcia e  sperare in un cambiamento quando tutti insieme non si è stati  capaci di proporre e condividere un progetto comunitario.

Certo è che Omegna, questa è una certezza, meriterebbe di più. 

Daniele Piovera


Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa