logo1

2017, anno dei borghi: progetto Uncem per valorizzare borgate alpine

uncem logo

Comunicato Stmpa - Il 2017 sarà l'Anno dei borghi, anima ed eccellenza dell'Italia. E del Piemonte, e delle Alpi. Lo ha deciso il Ministro Dario Franceschini che ha firmato il Decreto del Mibact per valorizzare il patrimonio artistico, naturale e umano dei borghi, luoghi definiti nel Piano Strategico di Sviluppo del Turismo come una componente determinante dell'offerta culturale e turistica del Paese. 

La direttiva costituisce il Comitato per i Borghi turistici italiani e avvia l'elaborazione di linee guida e modelli per favorire l'organizzazione di un Forum Nazionale sui Borghi, realizzare l'”Atlante dei Borghi d'Italia” e lanciare il riconoscimento annuale di borgo smart per la comunità locale dimostratasi più attiva nell'ambito dell'innovazione dell'offerta turistica. "I borghi che costellano il territorio delle nostre regioni – sottolinea il Ministro Franceschini - ricchi di storia, cultura e tradizioni, sono il cardine per la crescita di un turismo sostenibile, capace di creare autentiche esperienze per i visitatori e di permettere lo sviluppo armonico delle comunità che vi vivono. L'Anno dei Borghi sarà un momento importante per promuovere queste realtà che tanto contribuiscono alla qualità della vita nel nostro Paese". Uncem ha inviato al Ministro Franceschini, ai Sottosegretari e diversi contatti istituzionali il volume "Borghi alpini. Perché il ritorno alla Montagna è possibile" (scaricabile anche in pdf) che illustra oltre cento casi di valorizzazione di borgate montane piemontesi, con interventi già realizzati grazie a fondi UE e investimenti di privati cittadini o di Comuni, ma anche potenziali nuovi borghi sui quali operare. Il sito www.borghialpini.it, in vista delle azioni del Ministero per la valorizzazione dei borghi, è stato aggiornato con nuovi contenuti e nuovi casi di diversi Comuni montani piemontesi: 80 finora quelli coinvolti e "schedati". Altri verranno inseriti su segnalazione degli Enti locali e di professionisti che stanno intervenendo. "Avevamo visto giusto nel 2008 - commenta il presidente Uncem Piemonte Lido Riba - quando riuscimmo con la Regione a destinare 35 milioni di euro per la rivitalizzazione economica e architettonica dei borghi montani. Abbiamo aperto una strada seguita da molte altre Regioni. Il Mibact con l'Anno dei borghi ci dà ragione. Ora dobbiamo fare di più. Dobbiamo rendere il recupero, il rilancio sociale e imprenditoriale dei borghi, la loro valorizzazione turistica, la promozione internazionale sul mercato immobiliare, un'asse portante dell'economia del Piemonte. Un asse portante anche dell'azione istituzionale degli Enti locali e della politica regionale e nazionale. Serve un lavoro che coinvolga diverse Direzioni regionali, il Consiglio e la Giunta, i Parlamentari piemontesi. Coinvolgeremo nelle prossime settimane tutte le Unioni montane e i Comuni. Aspettiamo di poter partecipare con gli Enti locali ai bandi loro riservati del Programma di sviluppo rurale. Vi sono 15 milioni di euro disponibili per la valorizzazione e la fruizione dei borghi alpini. Ma dobbiamo trovarne altre, anche risorse di privati, investitori e operatori economici". Uncem lavorerà molto sul marketing del territorio e sulla promozione: i borghi possono diventare strumento di incoming, vettore di nuove imprese agricole, turistiche, artigianali, ma anche luogo dove si sperimentano iniziative smart, dal coworking al cohousing, ovvero modelli di economia 4.0, server farm, star up legate all'innovazione tecnologica e all'Agenda digitale montagna. "Il recupero - prosegue Riba - è un antidoto al consumo di nuovo territorio, ma anche all'abbandono. Non siamo abbandonologi e non guardiamo ai ruderi con contemplazione. I 5000 immobili abbandonati nell'arco alpino piemontese sono emblema dello spopolamento e oggi, grazie a nuove politiche regionali e nazionali, devono diventare fulcro di nuovo sviluppo, grazie ad alberghi diffusi, spazi commerciali multiservizio, sperimentazioni progettuali architettoniche, ritorno all'uso di legno locale, domotica ed energie rinnovabili grazie alla microgenerazione distribuita".

Pin It

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa