logo1

Lavori Piana. Società Vigezzo & Friends : " Nessuna notifica di sanzione"

 piana foto

Qui sotto riportiamo il comunicato diffuso dalla Società vigezzina rispetto ai controlli effettuati dai Carabinieri Forestali

 
 
COMUNICATO STAMPA - La società Vigezzo & Friends, concessionaria degli impianti della Piana di Vigezzo, ha appreso ieri da alcuni organi di informazione di essere oggetto di denuncia e di sanzioni quantificate ed addirittura già erogate, per presunti abusi edilizi avvenuti sulle piste da sci della cui gestione è responsabile. La Società tuttavia non ha al momento ricevuto nessuna notifica di nessuna sanzione, ed accoglie con grande stupore la notizia, così come l’Ordinanza di Sospensione dei lavori, aventi entrambi ad oggetto attività di manutenzione obbligatoria per la messa in sicurezza delle aree sciabili. Il presunto ampliamento abusivo consiste invero nella manutenzione e messa in sicurezza del Collegamento tra la Pista 2 Principianti (e non un “tracciato di viabilità di servizio” come erroneamente riportato) e la Pista 9 – Baita Rosa, che scende verso la seggiovia Cima 2.  Tale Collegamento, da sempre esistito è stato oggetto con il passare degli anni di continue cadute e conseguenti depositi di materiale proveniente dalla scarpata sovrastante che ne hanno compromesso la sicurezza e la dimensione originale riducendola ad una larghezza di circa due metri.  La ormai ridotta dimensione, e i continui smottamenti intensificatisi nella scorsa stagione di scarso innevamento e intense precipitazioni, ne avrebbero pregiudicato quest’anno la sicurezza sia per gli utenti provenienti dalla Pista Principianti che per quelli provenienti dalla pista principale. Inoltre, come ogni sciatore ed ogni addetto ai lavori della Piana di Vigezzo ricorda, nonostante il tracciato franato e le dimensioni ridotte, numerosi sciatori continuavano a percorrere il Collegamento, con rischio ulteriore di collisione con gli sciatori provenienti da monte, soprattutto sulla pista principale.  Tale manutenzione e messa in sicurezza è stata dunque un assoluto dovere per la Società, oltre che un obbligo ai sensi della Legge Regionale 2/2009 in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa, che in tali casi espressamente deroga agli usuali obblighi di notifica e autorizzazione ed alle procedure relative previste dalla stessa legge.  Inoltre, come evidente dall’immagine in basso scattata nell’agosto 2019 all’esito dell’operazione di messa in sicurezza, di cui la Società si è fatta carico integralmente a proprie spese, i lavori eseguiti hanno anche comportato la pulizia del tratto dai detriti, ripristino del piano pista, posizionamento di teli di juta su tutta la scarpata sovrastante – appunto per evitare futuri smottamenti – e inerbimento naturale, con semina integrale dei pendii per riprodurne l’originale geomorfologia.  L’amministratore delegato della Società Luca Mantovani ha commentato “un imponente lavoro di manutenzione e messa in sicurezza, nel rispetto della legge e con una particolare attenzione all’impatto ambientale, il tutto per la sicurezza dei nostri sciatori e per la migliore valorizzazione della Piana di Vigezzo, a cui daremo sempre priorità assoluta, quand’anche ciò dovesse, benché inspiegabilmente, comportare delle sanzioni”. 
Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ultime news

Sabato, 07 Dicembre 2019
Acceso l'albero di Natale a Pallanza
Sabato, 07 Dicembre 2019
Ottimo l'avvio di stagione sugli sci
Sabato, 07 Dicembre 2019
Droga: un arresto e una denuncia
Sabato, 07 Dicembre 2019
Sfere: i Presepi sull'acqua di Crodo

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa