logo1

Non paga il campeggio: olandese in tribunale

Dopo due settimane di vacanza a Cannobio non paga il conto: il caso finisce in tribunale ma l'uomo risulta irreperibile

 verbania tribunalee

 

Tra il primo e il 16 agosto del 2014 aveva trascorso le vacanze al Camping del Sole a Cannobio: con lui altre sette persone, tre adulti e quattro ragazzi. Al momento di ripartire e di pagare il conto, circa 1100 euro, però, un turista olandese ha detto di non avere nemmeno una carta di credito e di non poter saldare il totale. Al titolare del campeggio l’uomo ha poi proposto di fare un bonifico direttamente dal computer della reception, ma la ricevuta che ha stampato riportava solo il numero di Iban e non provava affatto che il pagamento fosse stato fatto. E’ nata una discussione, sono arrivati gli altri del gruppo dell’olandese e il titolare per evitare liti davanti agli altri clienti li ha lasciati andare. E’ nato uno scambio di email e telefonate tra il titolare e l’olandese che però non ha mai portato al saldo di quanto dovuto, nonostante si fossero accordati su uno sconto per recuperare almeno qualcosa di quanto perso. Alla fine l’imprenditore si è rivolto a una società di recupero crediti che ha concluso con un’amara scoperta: l’olandese era stato dichiarato fallito nel 2013, per oltre 500 mila euro. Nel frattempo è come scomparso, di lui si sono perse le tracce. Il titolare del campeggio lo ha denunciato ai Carabinieri di Cannobio. Si è arrivati al processo per truffa. Alla luce della testimonianza di oggi, la pm Anna Maria Rossi ha chiesto di riqualificare il reato in insolvenza fraudolenta e quindi il giudice Donatella Banci Buonamici ha rinviato al 22 febbraio.

 

di  Maria Elisa Gualandris

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa