logo1

Giustizia, a Cannobio apre lo sportello " di prossimità"

Il progetto nasce dalla collaborazione fra Tribunale, Comune di Cannobio, CssVerbano e Fondazione Uccelli. Questa mattina la firma del Protocollo che sancisce l'avvio dello sportello

verbania sportello prossimita

 

Uno sportello “di prossimità” per sostenere i cittadini nella gestione degli istituti di protezione giuridica: un’esperienza che nasce a Cannobio grazie alla collaborazione tra Tribunale di Verbania, il Comune di Cannobio, il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano e la Fondazione Opera Pia Uccelli. Il protocollo che dà il via all’iniziativa è stato sottoscritto questa mattina in Tribunale dal giudice Luigi Montefusco, presidente del Tribunale, dal sindaco Giandomenico Albertella, dal presidente del Consorzio Franco Diazzi e dal direttore dell’Opera Pia Sergio Merletti.

 

Lo sportello nasce dall’esigenza del Tribunale, da un lato, di trovare luoghi di mediazione con il territorio per ridurre la distanza tra cittadini e uffici giudiziari, e, dall’altro dalla necessità dei servizi di trovare una casa comune e un’interlocuzione forte e continuativa con il giudice tutelare.

Allo sportello di prossimità i cittadini saranno informati sulle possibilità offerte dalla protezione giuridica, troveranno i moduli necessari, riceveranno il supporto per la compilazione di atti e potranno ricevere e depositare atti alla Cancelleria del Tribunale tramite strumenti informatici. Saranno anche fornite consulenze sui servizi sociali, educativi e territoriali. “La vera novità non sta tanto nella delocalizzazione di servizi come questo – ha detto Montefusco -, ma che l'inizio del procedimento giudiziario avviene fuori dal tribunale e per quello che sappiamo è il primo caso in Italia. L'auspicio è che Arona, Omegna e Domodossola possano imitare l'esempio di Cannobio”.

“Grazie anche ai tre dipendenti del Comune che hanno dato la loro disponibilità nonostante il loro mansionario non preveda questa funzione – ha aggiunto Albertella -. La formazione è già partita, tra un mese speriamo di iniziare”. Il direttore dell’Opera Pia ha ricordato come questo sia un tema molto sentito dai familiari, che spesso si trovano in difficoltà anche solo a sapere dove e a chi si possono rivolgere.

Maria Elisa Gualandris 

Pin It

Ricetta della settimana