logo1

Quale futuro per l'ex Centro migranti? Lo chiede il Pd a Marchioni

Dopo lo sgombero del centro Migranti a Omegna si apre il dibattito sull'uso della struttura. Il Comune vorrebbe venderlo. Empolesi chiede il coinvolgimento del consiglio

omegna centro migranti

 

Quale futuro per l’ex scuola e ormai ex centro di prima accoglienza di Crusinallo? A domandarselo sono i consiglieri di minoranza del Partito Democratico, capitanati dal loro capogruppo Alessandro Rondinelli. Il definitivo sgombero dello stabile dai migranti ha aperto un nuovo dibattito in città. L’amministrazione comunale ha tutta l’intenzione di mettere in vendita l’edificio, ma non vuole forzare i tempi. “Dapprima attendiamo una stima dell’immobile – spiega il sindaco Paolo Marchioni –. Poi, studieremo le modalità per venderlo all’asta. L’obiettivo è ricavarne degli introiti utili per le casse comunali. Non dobbiamo agire frettolosamente, anche perché dobbiamo capire come metterlo sul mercato. L’ideale sarebbe vendere la struttura al fine di avviare all’interno un’attività che crei nuovi posti di lavoro ad Omegna”. Su una cosa tuttavia è certo il primo cittadino del capoluogo cusiano, “Lo Sprar non lo attueremo sicuramente presso l’edificio di Crusinallo”. La decisione non è stata apprezzata dal Partito Democratico cittadino. “L’amministrazione rischia di perdere l’opportunità di ottenere finanziamenti statali per il recupero dello stabile – sottolinea Rondinelli –. Senza soldi per la ristrutturazione l’ex scuola potrebbe fare la stessa fine dell’istituto San Giuseppe di Crusinallo. Inoltre, riteniamo che senza un acquirente interessato il comune potrebbe correre il rischio di svendere o non riuscire a vendere la struttura”. Al dibattito si è iscritto anche il capogruppo di “Omegna, si cambia!” Mauro Empolesi. “L’amministrazione ha preso una decisione chiara – dice –. Piuttosto che far degradare l’immobile è meglio venderlo. Però, vorremmo essere coinvolti nella vendita, per capire cosa potrà diventare nel futuro uno dei cardini del quartiere di Crusinallo”.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa