logo1

I giardini di Villa Taranto ieri hanno riaperto i cancelli

Fioriture in ritardo di una decina di giorni a causa del freddo delle ultime settimane, Anche quest'anno tanti gli eventi previsti

verbania giardini villataranto

 

Segna tradizionalmente l'avvio della stagione turistica della primavera – estate la riapertura dei giardini di Villa Taranto. Cancelli aperti da ieri, con la pioggia, oggi invece la tregua ed una splendente e tiepida giornata di sole che però dovrebbe durare poco visto il maltempo e il freddo previsti per le prossime ore.

Il giardino si presenta al suo risveglio dopo il torpore invernale, in ritardo di una decina di giorni le fioriture a causa del freddo dei giorni scorsi. Le prime essenze a sbocciare saranno le eriche, i rododendri, i prunus, le magnolie.

Indiscusso il suo fascino anche agli albori della primavera. L'aspetto odierno del parco di Villa Taranto non è un frutto spontaneo, ma il risultato, plasmato nel tempo di una laboriosa elaborazione intrapresa dal Capitano Mc Eacharn nel 1931.

Passeggiare lungo i suoi viali è come compiere un viaggio attraverso paesi lontani, tra specie botaniche anche rare.

Ricordiamo che ogni prima domenica del mese l'ingresso è gratuito per i verbanesi. Molti poi gli eventi legati alle fioriture: il primo sarà dall'8 al 15 aprile con la settimana Fondo per l'Ambiente Italiano dedicata all'arcobaleno delle bulbose – ingresso ridotto per i tesserati FAI. Dall' 8 al 29 aprile sarà in corso la tradizionale “Festa dei Tulipani”, rassegna inaugurata per la prima volta dal Capitano Neil Mc Eacharn nel lontano 1956. In questo periodo il parco si colora di oltre 80.000 bulbose, tutte peculiari e tutte in fiore, dove indubitabilmente svettano proprio i "turbanti d'Oriente".

Da metà aprile a metà maggio poi "Colori senza confini", protagonisti sono anche azalee e rododendri. Entrambe sono piante appartenenti alla famiglia delle ericaceae e sono originare dell’Eurasia e dell’America. Da non perdere il Bosco dei Rododendri, un universo fiorito all’ombra di imponenti alberi secolari.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa