logo1

Ruba carta di credito al medico : arrestato dalla squadra volante


La Volante della Polizia arresta pregiudicato: in ospedale ruba carta di credito al medico. Espulsi dall'Italia due trans, si prostituivano in casa a Pallanza

 

polizia squadra volante

 
 
Va in ospedale per una visita e mentre aspetta il medico gli ruba carta di credito, bancomat e soldi: la Volante della Polizia ha arrestato un verbanese, classe 1978, B.E., già noto alle forze dell’ordine. L’uomo era andato al Castelli per un controllo ambulatoriale. Il medico era già impegnato in altre visite urgenti e lui ne ha approfittato per mettere a segno il furto. Dopo mezz’ora, sul cellulare del dottore sono arrivati i messaggi della banca che lo avvisavano che la sua carta di credito era stata utilizzata, per l’esattezza per effettuare due prelievi per circa  500 euro. 
Il medico si è così reso conto sia della mancanza dei soldi che del paziente. Mancavano anche bancomat e dei contanti. Dopo la denuncia, nel primo pomeriggio di ieri gli uomini del Commissario capo Giuliano Ciraldo hanno subito rintracciato il ladro, ancora in possesso dei soldi oggetto del furto. L’uomo è stato denunciato per il furto e arrestato in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere e condotto nella Casa Circondariale a Pallanza.  Inoltre, sempre la Squadra Volanti alle 17 di ieri è intervenuta in via delle Orfanelle, a Pallanza, per una segnalazione del sistema Alert Alloggiati, che serve per il controllo delle persone presenti nelle strutture alberghiere.
Sul posto i poliziotti hanno trovato due trans brasiliani, di 25 e 37 anni, entrambi domiciliati nel milanese ed irregolari sul territorio nazionale che avevano affittato una casa ufficialmente per trascorrervi le vacanze, in realtà si prostituivano.
Sono stati accompagnati in Questura per l’identificazione e poi sono stati espulsi all’Italia.  
 
 
Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa