logo1

Il caso della giovane multata per aver orinato in strada a Domo arriva al giudice di Pace

La famiglia della ragazza infatti ha presentato prima ricorso in Prefettura, che l'ha respinto, e ora  davanti al giudice Crapanzano

domodossola aerea

 

Il prossimo 4 ottobre il caso ormai noto a livello nazionale della ragazzina multata a Domodossola per cinquemila euro per aver orinato in strada arriverà davanti al giudice di Pace Carlo Crapanzano. La famiglia della giovane, assistita dall’avvocato Marco Gagliardini, ha infatti presentato prima ricorso in Prefettura,  che l’ha respinto, e ora davanti al Giudice di Pace. “Dopo mesi di silenzio - spiega l’avvocato - quando abbiamo sentito che ci sono stati altri casi e che si continua con questa linea di tolleranza zero, vogliamo rilevare che a Domodossola ancora oggi non ci sono bagni pubblici”. Secondo quanto sostenuto dalla famiglia della ragazza, alle 5,40 del mattino la giovane non avrebbe avuto altre possibilità per espletare i propri bisogni. Inoltre, aggiunge il legale, “è andata dietro una colonna, in quel momento non c’era in giro nessuno. A vederla è stata una signora che stava facendo le pulizie in un bar prima dell’apertura. E’ nato un battibecco e la signora ha chiamato la polizia”. Fa inoltre rilevare Gagliardini: “Il problema della mancanza di bagni pubblici in una città che vuole essere turistica come Domodossola era stato già fatto rilevare dal Movimento Cinque Stelle in consiglio comunale e l’assessore aveva dovuto convenire che fosse vero”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa