logo1

Fino alla fine dell'anno il commissariato di Omegna resterà nella sede attuale

Nel 2019 poi ci sarà il trasferimento nell'edificio ex giudice di pace

omegna commissariato

 

E’ stata la prima patata bollente della giunta Marchioni, fin dal suo insediamento. Con polemiche a distanza quasi continue, per diversi mesi, tra l’amministrazione ed il Partito Democratico. Ora c’è una certezza: fino al 31 dicembre il commissariato di Omegna rimarrà presso l’attuale sede di via Comoli, mentre nel 2019, magari già dal 1 gennaio, ci sarà il trasferimento nell’edificio dell’ex giudice di pace. La querelle ha segnato le cronache omegnesi di fine estate e dello scorso autunno: l’amministrazione Marchioni in un primo momento sembrava propensa a una soluzione alternativa a quella cui aveva pensato, avviando per altro tutto l’iter necessario, la giunta Mellano. Soluzione cercata ma mai trovata, visti gli ostacoli per le varie ipotesi, su tutte quella della ex Villa Lagostina. E così la scelta è stata quella di avallare la soluzione dell’ex giudice di pace " Il progetto per la ristrutturazione di questo edificio- spiega l'assessore ai lavori pubblici Stefano Strada- è diviso in due lotti: il primo, di 80mila euro, a bilancio 2017, il secondo, di 67mila euro, nel bilancio 2018.  Il prossimo mese ripartiranno i lavori per terminare il primo lotto e l'obiettivo è chiudere il tutto entro fine anno, per poter consegnare lo stabile alla polizia per gennaio 2019. Si tratta essenzialmente di lavori di natura edile e legati all'impiantistica, senza dimenticare la regolamentazione dei posti auto, la recinzione e la videosorveglianza- conclude il vice sindaco.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa