logo1

Pericolo dazi Usa, delegazione di parlamentari alla ''Travi e profilati'' di Pallanzeno

 L'azienda occupa oggi 219 lavoratori. Ogni anno vengono lavorate 500mila tonnellate di acciaio

pallanzeno trave acciaio

 

Quali effetti avrà sull’industria dell’acciaio la politica dei dazi imposti dall’amministrazione Trump? Il timore è di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Unione europea.

Per l’Italia sono tutte brutte notizie poiché l'export è il settore più vitale della nostra economia, perché contribuisce a circa il 30% del nostro Pil, settore che ha continuato a crescere in questi anni più di qualsiasi altro. Se l’America chiude le porte del commercio, l’Italia non può che risentirne.

‘’Il Pd – ci spiega il parlamentare ossolano Enrico Borghi - è schierato a difesa delle imprese e del lavoro italiano e della posizione europea contro i dazi americani. In occasione dell’annuncio di Trump, il nostro governo con il ministro Calenda si è subito attivato con la Commissione Europea per fare in modo che l’Europa si opponga con forza e salvaguardi così le nostre aziende’’.

 I parlamentari del partito hanno promosso una serie di incontri nelle industrie del settore dell’acciaio che rischiano di essere colpite dai dazi, con l’obiettivo di raccoglierne nel dettaglio le preoccupazioni e di manifestare vicinanza ai lavoratori e agli imprenditori.

Nell’ambito di tale iniziativa, venerdì 18, una delegazione di parlamentari sarà in Ossola per un confronto con i dirigenti e le maestranze della “Travi e Profilati di Pallanzeno”, stabilimento del gruppo Duferdofin-Nucor, che ha 219 occupati che trasformano nel laminatoio 500 mila tonnellate-anno di acciaio. L’azienda, con sede a San Zeno Naviglio (Brescia) e con quattro unità produttive a San Zeno Naviglio, Giammoro, San Giovanni Valdarno e Pallanzeno, controlla l’intera filiera produttiva, dall’acciaio liquido al prodotto finito.

 

Renato Balducci

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa