logo1

10 mila euro raccolti dal "Pic nic sotto le stelle" a Verbania

Villa Giulia ha ospitato 350 commensali a sostegno del Fondo Tutela donne e minori 

verbania pic nic

 

10 mila euro per il Fondo Tutela donne e minori presso la Fondazione Comunitaria del Vco dal "Pic nic sotto le stelle" di Soroptimist Club Verbano. Attraverso Fondazione San Paolo la cifra sarà incrementata del 50% per un totale di 15 mila euro.

L'evento, giunto alla terza edizione, si è svolto domenica scorsa con una nuova location: il parco di Villa Giulia a Verbania, negli anni passati era stato invece organizzato sul lungolago di Pallanza. Il dress code è rimasto immutato, per donne e uomini abiti rigorosamente bianchi, l'ispirazione è quel "Diner en blanc" nato a Parigi e che ha poi fatto il giro del mondo. 350 i commensali (soci Soroptimist e non) che, all'ora del tramonto e sulle note del gruppo verbanese Wire, si sono dati appuntamento in uno degli angoli più belli del Lago Maggiore. E sulla scalinata di Villa Giulia una serie di scarpe rosse, il simbolo della lotta alla violenza sulle donne.

Questa cena sotto le stelle è uno dei più significativi service messi in atto annualmente dalle socie del Soroptimist Verbano, non soltanto per sensibilizzare l'opinione pubblica sui valori di solidarietà sociale femminile, ma anche per contribuire in modo concreto al sostegno delle donne vittime di violenza.

Il cestino da pic nic acquistato dai partecipanti è stato il mezzo attraverso il quale si sostengono progetti locali. In questi ultimi anni, oltre ai contributi per borse lavoro destinate alle donne in difficoltà, il Soroptimist ed altri partner hanno finanziato “Una stanza tutta per sé”, l'aula di ascolto destinata a donne e minori, realizzata con la collaborazione della Questura di Verbania.

Dalla presidente della locale sezione del club di servizio, Elena Poletti, un ringraziamento a tutti coloro che attraverso materiali e manodopera hanno reso possibile l'iniziativa. I pasti sono stati preparati dalle volontarie nelle cucine di Casa Immacolata con il coordinamento del loro chef, parrocchie e oratori hanno messo a disposizione sedie e tavoli, alcune aziende hanno fornito gli alimenti gratuitamente o a prezzi scontati. <Un grazie particolare alle sorelle Patrizia e Maria Teresa Iori che non sono nostre socie ma ci hanno generosamente dato un aiuto importantissimo> ha concluso Poletti. 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa