logo1

Dipendenti Fondazione Maugeri pronti allo sciopero

Contestano il cambio di contratto : dalla sanità pubblica a quella privata

 

veruno fondazione mugeriSono pronti allo sciopero medici, infermieri e impiegati della Fondazione Maugeri di Veruno per la prevista conversione del contratto da Sanità pubblica a quella privata. Operazione che comporterebbe riduzione di stipendi tra il 20 e il 30% e in pericolo i benefici come gli scatti salariali. Già nel 2014, all’indomani degli scandali che hanno coinvolto tutto il gruppo Maugeri, la direzione aveva avanzato questa ipotesi, poi sostituita con un taglio alla produttività. L’accordo era che per i neo assunti l’azienda avrebbe adottato il contratto privato, mentre per quelli in servizio sino a quella data avrebbe mantenuto quello della Sanità pubblica. Intesa che è scaduta nel 2017. Ora la situazione si è evoluta in tempi molto rapidi, la Maugeri è tornata alla carica, tanto che i dipendenti in questi giorni si sono riuniti in assemblea per dibattere sul cambio contrattuale. La Prefettura di Novara si è detta disponibile ad una mediazione, ma il cambiamento previsto vale per tutte le cliniche presenti sul territorio nazionale. Non può decidere solo Veruno unica clinica del gruppo presente nel Novarese. Le tre organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil sono concordi nel proseguire con la protesta sino ad arrivare allo sciopero. Ha spiegato Diego Passero, rappresentante della Uil: <A Veruno, tra i dipendenti c’è un forte malumore, meglio sarebbe dire rabbia. Tenteremo una mediazione tra lavoratori e Azienda con intervento del Prefetto in modo da preservare gli interessi dei lavoratori e quelli del Gruppo. L’assemblea di Veruno che ha visto presenti le forze lavorative ha già dato indicazioni sulle strade da percorrere, si inizierà con un volantinaggio per informare i cittadini di quello che sta accadendo alla Fondazione Maugeri, successivamente si passerà alla mobilitazione concreata che potrà sfociare nello sciopero>. La direzione della Società si è detta disponibile a convenire ad un una tantum da corrispondere ai dipendenti purché si accetti il declassamento. <Per noi questa proposta, che riguarda tutti, dai medici agli infermieri e agli impiegati, è inaccettabile> ha concluso Passero.

 

Franco Filipetto

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa