logo1

Verbania regina dei like su Facebook secondo un'indagine condotta da FPA

 

verbania intra aerea

 

 

Se si considerano i like in rapporto alla popolazione Verbania è in testa alla classifica con il 41,5%. Seguono Crotone (36,9%) e Pesaro (34,5%)

 

E' Verbania la regina di Facebook. Questo quanto emerge da un'indagine condotta da FPA, società del gruppo Digital360, sulla presenza, l’uso e la performance sui social network di 107 comuni capoluogo di provincia.

Anche se sono le città più grandi ad avere il maggior numero di like su Facebook: in testa Roma, con 401.338 like, seguita da Milano, con 143.711, e Torino, con 119.13, Verbania batte tutti se si considerano i like in rapporto alla popolazione (41,5%). Medaglia d'argento per Crotone (36,9%), poi Pesaro (34,5%).

Facebook risulta essere il canale di comunicazione più utilizzato dalle città, ben 82 comuni capoluogo, subito dietro Twitter, utilizzato da 79 città, poi You Tube con 71 e infine Instagram con 27 città, in crescita rispetto alle 21 dell'anno scorso.

“I nostri dati rivelano ancora una certa difficoltà da parte delle amministrazioni a sfruttare appieno le potenzialità dei social media, anche a causa di una distanza culturale e di una mancanza di competenze diffuse – sottolinea Gianni Dominici, Direttore Generale di FPA -. Sono aumentati i social media manager all’interno delle amministrazioni, ma nella maggior parte dei casi si tratta di professionisti in staff al sindaco, mentre restano ancora pochi gli altri dipendenti formati a una comunicazione 2.0. Questo spiega perché la maggior parte dei comuni capoluogo presenti sui social è online soprattutto per raccontare l’operato politico. Per interagire con i cittadini sui social, utilizzandoli come strumento di trasparenza, dibattito e democrazia, servono invece consapevolezza, competenze, una conoscenza diffusa delle potenzialità dei social network.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa