logo1

LetterAltura: bilancio positivo, si guarda già al 2019

Intanto il presidente Airoldi anticipa che alcuni ospiti torneranno sul Lago Maggiore nei prossimi mesi per nuovi incontri con il pubblico

 letteraltura

 

<E' andata bene, siamo molto contenti. Abbiamo avuto un buon riscontro di pubblico, anche se ci sarebbe piaciuto averne ancora di più visti gli ospiti di valore. Raccolti anche molti apprezzamenti>. Questo il bilancio dell'edizione 2018 di LetterAltura che si è chiusa a Verbania nei giorni scorsi, tracciato dal presidente dell'associazione Michele Airoldi. Una manifestazione che ha puntato i riflettori su "Racconti sull'acqua e viaggi in battello".

Qualche numero di questa 12° edizione: importante il coinvolgimento dei piccoli e dei ragazzi delle scuole del territorio nei primi due giorni di festival, in 1400 circa hanno partecipato alle iniziative a loro dedicate. Tutto esaurito per i 2 incontri nella sala teatrale del Maggiore con il brillante storico Alessandro Barbero e con il noto teologo e docente universitario Vito Mancuso, in platea circa 500 persone per ogni appuntamento. Molto partecipate pure le iniziative nel foyer del teatro durante il weekend.

Nota positiva è anche il fatto che diversi ospiti hanno espresso il desiderio di tornare a Verbania, è il caso dello scrittore Hans Tuzzi che a dicembre bisserà la sua presenza sul Lago Maggiore per presentare il suo nuovo libro, così come l'anatomopatologa Cristina Cattaneo. Anche Barbero ha promesso di tornare.

Così saranno programmati eventi intermedi in attesa dell'edizione 2019 del festival. <Ci è già venuta voglia di pensare al prossimo anno – aggiunge Airoldi - ma dobbiamo fare i conti con le forze che abbiamo a disposizione> conclude il presidente.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa