logo1

Amianto al Cobianchi: assolto il dirigente

Assolto il dirigente provinciale Mauro Proverbio per l'amianto al Cobianchi: non era responsabile all'epoca. Assunto l'incarico, avviò la bonifica

tribunale verbania

 

Assolto per non aver commesso il fatto il dirigente della Provincia Mauro Proverbio, assistito dagli avvocati Carlo Ruga Riva ed Elia Borgnis, a processo per l’amianto trovato nel sotterraneo dell'istituto Cobianchi. Era accusato di aver violato le norme sulla sicurezza del lavoro. Ma è stata la stessa pm Anna Maria Rossi, all’esito del dibattimento, a chiederne l’assoluzione al giudice Donatella Banci Buonamici. La vicenda era nata nell’aprile del 2014, quando, in seguito a un infortunio sul lavoro, era intervenuto lo Spresal che aveva scoperto l’amianto che rivestiva i tubi del seminterrato della scuola. Solo il 28 gennaio del 2016,  quasi due anni dopo, e in seguito agli esami effettuati, lo Spresal aveva contestato la violazione delle norme di sicurezza, imponendo la chiusura dei locali. Gli avvocati del dirigente della Provincia hanno evidenziato come il loro assistito non fosse dirigente di quel settore nel 2014, quando si aprì il caso, ma lo diventò solo successivamente. E, anzi, appena assunto l’incarico fece avviare il monitoraggio per l'amianto che non veniva fatto da tempo e la conseguente rimozione. Il giudice ha accolto le richieste del pm e della difesa.

 

di Maria Elisa Gualandris

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa