logo1

Diffusa ed elevata pericolosità lungo la SS34 tra Verbania e Cannobio

Lo conferma anche lo studio del Politecnico di Torino. L'Unione Lago Maggiore rinnova la richiesta dello Stato di emergenza e chiede ad Anas sistemi di monitoraggio e allarme

cannobio frana4

 

Una diffusa e molto elevata pericolosità per lunghi tratti di statale 34 da Cannobio a Verbania. Possono verificarsi eventi franosi e quindi quotidianamente gli utenti di quella strada transitano al momento senza la dovuta e necessaria sicurezza. Lo dice la relazione elaborata dal Politecnico di Torino che arriva dopo quella di Anas e che è stata ricevuta a fine 2018 dall’Unione del Lago Maggiore. Così quest’ultima rinnova la richiesta dello Stato di emergenza per gli interventi in programma e chiede ad Anas sistemi di monitoraggio e allarme.

In un documento sottoscritto dai 9 sindaci si ribadisce che questo pericolo incombente non permette agli enti preposti alla realizzazione delle opere di messa in sicurezza previste nel protocollo d’intesa dello scorso ottobre di attendere i tempi che le procedure ordinarie impongono per l’avvio dei cantieri, circa 2 anni. Lo stato di emergenza permetterebbe di accorciare i tempi.

Nella delibera dello scorso 27 dicembre il Consiglio dell’Unione chiede due cose: alla Regione Piemonte l’adozione di tutti gli atti amministrativi necessari per presentare al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile formale richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per l’avvio di procedure di urgenza; ad Anas di realizzare con la massima urgenza, anche mediante l’utilizzo di parte delle somme stanziate con il Protocollo di intesa, sistemi di monitoraggio ed allarmistici delle situazioni più delicate dal punto di vista geomeccanico; chiede inoltre sempre all’ente strade di assumere tutti i provvedimenti necessari al fine di garantire, nell’arco di tempo che intercorrerà da oggi e fino all’ultimazione delle opere, la circolazione in sicurezza degli utenti della statale 34.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa