logo1

Tangenti: difesa deputato FI, intercettazioni inutilizzabili

 sozzani

Legale Sozzani a gip. Pm indagano su altre ipotesi corruzione 

Per Sozzani il gip ha emesso un'ordinanza di domiciliari, inoltrata a Montecitorio, per un finanziamento illecito dall'imprenditore Daniele D'Alfonso (in carcere) da 10mila euro per le elezioni politiche del marzo 2018. Gli stessi pm, però, negli atti integrativi hanno scritto che da quattro intercettazioni, captate tra dicembre e gennaio (a cui ne hanno aggiunte altre tre registrate tra marzo e aprile), "si ricava l'ottenimento da parte dello Studio Tecnico Associato Greenline", amministrato dal parlamentare e dal fratello Stefano, "di incarichi da parte di società pubbliche sulle quali Caianiello", presunto 'burattinaio' del sistema di 'stecche' e nomine pilotate, "esercita il suo indiscusso potere di influenza". In un'intercettazione ambientale del 10 dicembre, ad esempio, Sozzani e Caianiello parlano negli uffici della Econord spa, società dell'imprenditore Claudio Milanese legato, secondo i pm, a Caianiello, il quale, tra l'altro, racconta anche al deputato che Milanese "è amico di Giancarlo Giorgetti", sottosegretario leghista. Nella conversazione, a cui partecipa anche il socio di Milanese, Sergio Bresciani, si fa riferimento ad una "opera di intermediazione" che dovrebbe svolgere il deputato per Milanese e, come scrive la Dda, alla "necessità di retribuire Sozzani", ma con la "volontà di camuffare le reali ragioni di tali elargizioni". Gli inquirenti individuano nelle intercettazioni diverse "operazioni illecite" come gli "incarichi affidati" allo studio dei fratelli Sozzani dalle società in house Accam e Alfa srl con accordi che, secondo la Dda, prevedrebbero, poi, la "retrocessione" di parte dei compensi a Caianiello. Per la difesa, in sostanza, il vero obiettivo delle intercettazioni era Sozzani. Il gip dovrà decidere sulla pertinenza e utilizzabilità delle intercettazioni a carico del parlamentare e solo se le riterrà utilizzabili le invierà alla Camera, dove già è stata trasmessa l'ordinanza cautelare. Nel frattempo, Sergio Salerno, dipendente e sindacalista di Amsa finito in carcere, ha chiesto la scarcerazione al gip e gli interrogatori, intanto, in Procura proseguono anche oggi.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ultime news

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa