logo1

Oleggio ha ricordato le sue vittime del Ponte Morandi

Un anno fa la tragedia che ha colpito la famigla Cecala: sotto le macerie morirono il padre Cristian, che aveva 43 anni, la madre Downa Monroe, originaria della Giamaica, e la piccola Crystal di soli nove anni. Oggi in paese una santa messa per ricordarli

 

 cecala

Ad un anno di distanza anche Oleggio ha ricordato le sue tre vittime del Ponte Morandi, la famiglia Cecala: il padre Cristian, che aveva 43 anni, la madre Downa Monroe, originaria della Giamaica, e la piccola Crystal di soli nove anni. Una messa per ricordare ad un anno dal tragico crollo del viadotto è stata celebrata nella chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo. Oggi una delegazione di Oleggio era presente alle celebrazioni di Genova che hanno visto presenti il Capo dello Stato Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i vice Di Maio e Salvini. C’erano l’attuale sindaco di Oleggio Andrea Baldassini, il comandante della polizia municipale con il gonfalone,  il fratello di Cristian e altri parenti e amici. Quello della famiglia Cecala è stato l’ultimo funerale ad essere celebrato il 25 agosto, undici giorni dopo. Infatti c’era la certezza che l’auto fosse sotto le macerie ma non si trovava. Era sotto quello che rimaneva del pilone centrale, è stata ritrovata il 18 agosto e il 20 c’è stato il riconoscimento delle salme. Proprio nel giorno in cui Mattarella si è recato sul posto e si è soffermato davanti quei rottami alti non più di 50 centimetri. Massimo Marcassa, l’ex sindaco e vicepresidente della Provincia di Novara ricorda:<In primavera abbiamo dedicato a Crystal un parco giochi con tutte le attrezzature nella frazione Bedisco, dove i Cecala abitavano. E’ stata la famiglia Cecala a volerlo, al punto che ha donato al comune il terreno per realizzarlo. Un parco che ancora oggi è molto frequentato>. Le ceneri di Cristian e Crystal riposano nella tomba di famiglia a Oleggio. I genitori e le sorelle di Downa, la mamma, hanno voluto che le sue spoglie fossero portate in Giamaica, dove era nata.

 

di Franco Filipetto

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa