logo1

Iniziato il conto alla rovescia per la vendemmia in Ossola: si partirà a fine agosto

Le prime uve ad essere raccolte saranno quelle destinate alle bollicine. <Inizieremo con ogni probabilità il 28 agosto> riferisce Edoardo Patrone

 

 uva fragola

Iniziato il conto alla rovescia per la vendemmia in Ossola: si partirà a fine agosto. Buona la qualità attesa, in calo rispetto allo scorso anno la quantità.

Le prime uve ad essere raccolte saranno quelle destinate alle bollicine. <Inizieremo con ogni probabilità il 28 agosto> riferisce Edoardo Patrone. Spiega che si vendemmieranno, dai grappoli di nebbiolo, solo gli acini nella parte bassa, quelli che hanno preso meno sole, perché l'obiettivo è un contenuto grado alcolico ( che poi sarà incrementato con la spumantizzazione) unito ad una buona acidità. Diventeranno uno spumante rosé.

Gli acini rimasti sui grappoli a maturare ancora un pò resteranno lì fino a settembre e saranno trasformati in vino rosso. <Questo consente una maggiore quantità in campo senza diradamenti eccessivi, che vengono poi fatti per produrre un secondo vino> spiega Patrone. Naturalmente altre tipologie di vino nascono in modo più tradizionale nei 18 appezzamenti dell'azienda sparsi tra Domodossola, Montecrestese, Crevola, Trontano e Beura. Patrone conferma la qualità promettente di questa annata, anche grazie a grappi spargoli, con meno frutti, più facili da trattare in vigna e qualitativamente migliori, ma non nasconde le notti insonni: <Lunedì con il nubifragio che si è abbattuto sul VCO ci è andata bene, siamo molto condizionati dal tempo. Stimiamo un calo rispetto all'anno passato del 15-20% nelle quantità> conclude.

Sulle tempistiche di vendemmia abbiamo sentito il presidente del Produttori Agricoli Ossolani Pierfranco Midali; parla di un anno standard e senza particolari anticipi come l'anno passato. <Dopo un maggio di pioggia le uve hanno recuperato con il caldo di giugno e luglio, la prossima settimana è atteso altro caldo ma non tale da anticipare la raccolta>. Midali spiega che i precoci come il gamaret a Feriolo di Baveno potranno essere vendemmiati a inizio settembre, lo stesso vitigno a Viganella necessita di un paio di settimane in più di maturazione. A fine settembre sarà la volta di merlot e barbera, a ottobre si chiuderà con il nebbiolo, con il prunent.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa