logo1

Terna di Vedasco 2019: vincono Rotundo, Meroni e Sigorini

Per il 4° anno consecutivo arrrivano da lontano i vincitori della Terna promozionale di Vedasco, quest’anno primo Trofeo Gianfranco Viotto allla memoria
 
 
bocce generico
 
Per il 4° anno consecutivo arrrivano da lontano i vincitori della Terna promozionale di Vedasco, quest’anno primo Trofeo Gianfranco Viotto allla memoria. Sono i bresciani Claudio Meroni e Massimo Sigorini, coadiuvati da Andrea Rotundo, catanzarese del 1984 che in carriera vanta un titolo europeo Under 18, 3 titoli italiani Under 23, un titolo italiano assoluto in coppia con Roberto Signorini e uno scudetto 2016 con la maglia dell’alto Verbano. Quanto al puntista Meroni, sulla piazza da molti anni, appena 6 mesi fa aveva razziato anche la terna natalizia della Baraggia, con Gaetano Proserpio e il giovane Lorenzo Porcellati.
 
Ma ricominciano dall’inizio. Manca all’appello finale la terna che aveva in campo anche l’uomo di casa Lorenzo Viotto: c’é Renato Biancotto a sostituire il fratello Daniele, come permette il regolamento, ma assente risulta Rodolfo Peschiera. Così vincono la prima partita senza colpo ferire Simone Albini, Umberto Trivini e Giulio Solari. Altre due le sostituzioni della serata: Massimo Callegari al posto di Walter Barilani, Christian Andreani al posto di Luca Viscusi. 
 
Nella parte alta del tabellone Fabio Lazzaro, Claudio Minzoni e Marco Legnazzi  sono subito opposti ai futuri vincitori Rotundo Meroni e Sigorini e vengono battuti 12 a 8. Sotto invece Massimo Daga, Christian Andreani e Pierluigi Valsesia prevalgono 12 a 6 sullo chef dell’Isola Pescatori Diego Pioletti in campo col re dell’autostrada Gaetano Ielpo e l’ossolano Ugo Iossi. Dal canto suo la temibilissima terna formata da Nando Paone, Francesco Campisi e Claudio Scicchitano (uno di categoria C che sembra davvero di categoria A) batte 12 a 4 il trio Omar Martinoli, Massimo Callegari e Piero Balzani: gli ultimi 2 avevano vinto lo scorso anno con Walter Barilani.
 
Semifinali: Rotundo, Meroni e Sigorini vincono 12 a 4 su Albini-Trivini-Solari, mentre assai più combattuta ed entusiasmante è l’altra sfida. Prevalgono sul filo di lana 12 a 11 Paone-Campisi-Scicchitano ai danni di Daga-Andreani-Valsesia. 
 
I giochi sono fatti: la finale si chiude pure 12 a 11 a favore dei “bresciani”, si gioca con colpi spettacolari ma l’impegno è soprattutto, anzi soltanto, per impossessarsi del premio extra: tre prosciutti interi di 8 chilogrammi ciascuno. Poi tutti a tavola. A Vedasco ci si va anche per la cucina casalinga.
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa