logo1

Sotto controllo l'incendio tra Re e Ponte Ribellasca in valle Vigezzo

 Le fiamme si stavano avvicinando al paese, notte di paura per gli abitanti di Olgia. Intervenuto anche l'elicottero

 
 

viggezzo incendio

 
Brucia la montagna in Valle Vigezzo. Un vasto incendio domenica sera si è sprigionato lungo il versante montano compreso tra Re e il confin italo-svizzero di Ribellasca. Le fiamme sono divampate intorno alle 21.30 nei pressi della galleria di Olgia, interessando il pendio che costeggia la statale 337. Impegnati per tutta la notte i vigili del fuoco di Domodossola e del distaccamento di Santa Maria Maggiore, le squadre dell'Aib e i Carabinieri Forestale. Tre i fronti delle fiamme, a poca distanza gli uni dagli altri, tanto da fare pensare - ma è solo un'ipotesi su cui indagano le forze dell'ordine - all'azione di un piromane. Ieri sera a Camedo, appena oltre il confine, sono intervenuti anche i pompieri svizzeri per tenere sotto osservazione l'evolversi della situazione. Ed è stata una notte di paura per gli abitanti di Olgia, preoccupati per le fiamme che si stavano pericolosamente avvicinando al paese. I roghi, grazie al lavoro di vigili del fuoco e Aib, sono stati circoscritti all'alba. Nessun problema per la viabilità con i frontalieri che questa mattina hanno potuto transitare regolarmente lungo l'arteria per raggiungere il posto di lavoro in Canton Ticino. In giornata i focolai hanno però nuovamente preso vigore e s'è reso necessario anche l'impiego di un elicottero per spegnere gli ultimi roghi e procedere alla bonifica.
 
Marco De Ambrosis
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa