logo1

Profugo arrestato a Intra

carabinieri auto notte

Si tratta di un giovane nigeriano che, ubriaco, urlava e  infastidiva i passanti; ha aggredito i Carabinieri

 

Ha una lunghissima lista di denunce per i reati più disparati, dal furto alle minacce il giovane nigeriano arrestato la scorsa notte in via De Bonis a Intra dai Carabinieri. Intorno a mezzanotte e mezza una pattuglia della Stazione di Verbania, durante un normale servizio di controllo, ha notato il ragazzo, 26 anni, che visibilmente ubriaco nei pressi di un bar infastidiva la gente, urlava e dava in escandescenza. A un certo punto si è anche spogliato. Quando si sono avvicinati i militari, il nigeriano li ha aggrediti, rifiutandosi di fornire le proprie generalità. Nel frattempo sono arrivati in rinforzo gli uomini del Nucleo operativo radiomobile del Capitano Christian Tapparo. Non è stato facile ammanettare il giovane che non si è calmato neppure con lo spray al peperoncino. Alla fine è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e portato al Comando provinciale dove ha trascorso la notte in camera di sicurezza. Oggi è stato poi trasferito in carcere e domani comparirà davanti al giudice per la convalida. Dai controlli fatti è emerso che il nigeriano, arrivato in Italia come migrante ha ottenuto lo status di profugo. Nonostante ciò, però, risulta ancora domiciliato al centro di accoglienza di Arizzano che deve lasciare in seguito all’accoglimento della domanda di asilo. Tra le denunce collezionate, oltre a furti e tentata rapina, ne ha anche una per aver minacciato un medico.  

 
Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa