logo1

Profugo arrestato : in libertà con obbligo di firma

Rimesso in libertà con obbligo di firma il nigeriano arrestato in via De Bonis per resistenza a pubblico ufficiale. Intanto il Cas di Arizzano precisa: "Non risiede più da noi" 

carabinieri insegna

 

Arresto convalidato ed è stato rimesso in libertà con l’obbligo di firma due volte a settimana al Comando provinciale dei Carabinieri il profugo di 26 anni nigeriano arrestato l’altra notte in via De Bonis a Intra per resistenza a pubblico ufficiale.  Il giovane, che ha a suo carico una lunga lista di denunce per furto, tentata rapina e minacce a un medico, sarà processato il prossimo 29 settembre. Nel frattempo, dal centro di accoglienza di Arizzano dove inizialmente risultava domiciliato, il responsabile Carlo Venturini precisa: “Il ventiseienne non è più a nostro carico dal mese di marzo del 2017. Da quel momento è stato infatti preso in carico dal Servizio Psichiatrico dell'ospedale di Verbania e non risiede più nel nostro Centro di Accoglienza Straordinaria di Arizzano”. Il profugo, che l’altra notte era fuori di sé e che i militari hanno faticato a calmare pur utilizzando lo spray al peperoncino, tornato in sé ha poi riferito di essere ospite di un amico e di avere anche un lavoro.

 

 

M.e.g.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa