logo1

montrigiasco discorso

Montrigiasco, frazione di Arona, ha celebrato stamani l’eccidio del 16 marzo 1945. Nove i partigiani vittima di una imboscata tesa dalle truppe nazi-fasciste, un soffiata di una spia aveva informato le truppe tedesche che i partigiani sarebbero transitatati, là dove oggi c’è il monumento, in quel giorno e a quell’ora. Il traditore aveva intascato come compenso 30 mila lire. Il giorno dopo la spia venne individuata. Alle cerimonia di oggi era presente il sindaco di Arona, onorevole Alberto Gusmeroli, il prefetto Rita Piermatti, il presidente dell’Anpi locale Nino Caputi, e la nipote di una delle vittime, nata proprio in quel giorno. Dopo i discorsi di rito il corteo si è mosso sino alla piazza che ricorda Angelo Gnemmi, un altro partigiano rimasto vittima della ferocia nazi-fascista. Sabato 23 marzo, alle 10, sarà Solcio di Lesa a ricordare gli undici partigiani uccisi in prossimità del vecchio imbarcadero.

 

F.f.

 
invorio fuoco
 
Un vasto incendio è divampato oggi nei boschi tra Gozzano e Invorio. In fiamme diversi ettari di bosco. Sul posto è intervenuta la flotta aerea antincendio. Operano anche squadre dei Vigili del fuoco di Borgomanero, Arona e Romagnano Sesia, con il supporto di squadre dei volontari AIB.
 
Maria Elisa Gualandris 

"Svista di Arona" è la mostra d'arte allestita sino a domenica prossima all'interno del Salone Mergazora in città. Una rassegna di arte varia sulla città di ieri e oggi. Si potrà visitare dalle 10-12 e dalle 15-19. Realizzata dai partecipanti al Centro Adulti Disabili della città si è avvalsa della collaborazione del gruppo del dialetto aronese.

Leggi tutto: " Sviste di Arona"

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa