logo1

vconews

Ancora un atto vandalico è stato messo a segno alla casetta della pro loco di Castelletto Ticino, un piccolo prefabbricato in legno ubicato all’interno del Parco Sibilia, a due passi dal municipio. Ignoti si sono introdotti la scorsa notte e hanno divelto alcune tavole in legno delle pareti esterne. Un fatto analogo era già capitato lo scorso luglio. Da parte dei dirigenti dell’ associazione qualche sospetto è emerso, al momento sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri della locale stazione. Il presidente del sodalizio Massimiliano Ferrario ha affermato:<Questi atti messi a segno da teppisti ci fanno passare la voglia di fare iniziative a favore della cittadina. Pensare che nei prossimi giorni avevamo già deciso di smontare la casetta per la stagione invernale>. 

 

 

Franco Filipetto 

 vconotizie 00

“Sono il tecnico del gas, debbo fare un controllo sul suo consumo, posso entrare in casa?”. Con questa frase un falso tecnico del gas l’altro ieri si è introdotto nell’abitazione di un anziano in via Motto Carraio, nella frazione di Mercurago di Arona. L’ottantenne era in casa da solo, il truffatore ha simulato alcune prove allo scaldabagno, alla stufa a gas e poi ha invitato il padrone di casa a scendere nel locale caldaia. Lui è rimasto nell’appartamento per qualche minuto. “Tutto a posto. Ho finito” si è congedato il falso tecnico. Quando l’anziano è risalito al piano superiore ha trovato tutti i cassetti e gli armadi aperti. Da una cassettiera erano spariti gli oggetti di valore, preziosi in oro e alcune centinaia di euro. Il ladro si è allontanato a piedi, ma non è escluso che un complice lo aspettasse poco lontano. Al derubato non è restato che rivolgersi alla stazione dei carabinieri per sporgere denuncia contro ignoti.  

Franco Filipetto

 

domo binari domo novara 
Cinquantaquattrenne di Villadossola perde la vita lungo i binari della Domo Novara. All'origine dell'incidente un gesto estremo
 

 

polizia1

Attenzione alle estorsioni sessuali su Facebook: l'allarme arriva dalla Polizia del Commissariato di Domodossola. Nell’ultimo periodo, infatti, si è registrato un aumento degli uomini adescati attraverso i social, sedotti dalle lusinghe di donne avvenenti che chiedono loro di mostrarsi in pose equivoche e in comportamenti sessualmente espliciti. Peccato che dietro ai profili ci siano veri e propri delinquenti, spesso organizzati in bande, che poi ricattano la vittima chiedendo il pagamento di migliaia di euro per non pubblicare le foto. Le vittime non sono scelte a caso: spesso su Facebook risultano impegnate sentimentalmente. Persona ritenuta ideale per un ricatto. Fondamentale quindi prestare la massima attenzione e non diffondere mai immagini compromettenti. 

Rapina a Omegna. Romeno senza fissa dimora prende a pugni un settantenne per portargli via pochi euro. Arrestato dalla Polizia

Massiccio intervento della Polizia nella notte tra sabato e domenica nelle zone della movida di Intra. Domani in Prefettura riunione del Comitato per la sicurezza 
 

polstrada

Curioso epilogo ad un controlo della Polstrada. Imprenditore svizzero reagisce al sequestro della sua vettura : " Licenzierò i dipendenti italiani"

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa