logo1

Segna variabile il barometro economico del VCO

Positivo il tasso di sviluppo delle imprese riferito al secondo trimestre 2017

 

operaio cartongesso

Segna variabile il barometro economico del Vco. Il tasso di sviluppo delle imprese artigiane per il primo trimestre 2017 ha fatto segnare -0,76%. Il dato è invece positivo se riferito al secondo trimestre 2017 (+0,32%- sopra la media piemontese +0,27%).

Lo dicono i dati di Movimeprese, la rilevazione periodica firmata da Infocamere, la società che raggruppa in forma associata le Camere di Commercio del Belpaese.

A fine giugno le imprese artigiane registrate nel Vco erano 4.323 . 14 in più rispetto al primo trimestre dell’anno. 20 in meno però rispetto a fine 2016 e addirittura – 50 se paragonati ai dati di giungo 2016.

Le casistiche dicono che dal 2009 ad oggi nella Provincia del Verbano Cusio Ossola sono andate persone 690 imprese artigiane. La crisi qui ha colpito duro.

I dati : a dicembre 2016 si contavano – 15 imprese nel comparo delle costruzioni dove opera quasi la metà delle imprese artigiane del Vco

16 sono invece le aziende del settore manufatturiero scomparse lo scorso anno in Provincia. Per effetto della recessione si contano 1.775 imprese nel comparto edile e 1007 in quello manufatturiero.

Il 78% delle imprese artigiane sono ditte individuali. Le imprese individuali sono in flessione di 13 unità rispetto a dicembre 2016. Sostanzialmente stabili le società di capitali (+1 imprese. rispetto a fine 2016) che pesano per il 4% sul totale delle imprese artigiane.
Da rimarcare come oltre dieci anni fa le società di capitali artigiane pesavano sul totale del comparto artigiano per circa lo 0,13%, segnale che il tessuto produttivo sia sta progressivamente rimodellando su forme di impresa più articolate. 

Pin It

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa