logo1

Hydrochem, oggi sciopero e a dicembre si spegne l'impianto al mercurio

Il sindaco Medali : " Ci daremo da fare per evitare che problemtiche sociali siano più lievi possibili. Al momento mi preoccupa di più l'indotto, che è meno tutelato "

hydrochem

 

Fine vita il prossimo 11 dicembre.  E’ il giorno di spegnimento dell’impianto di  produzione di cloro soda nello stabilimento Hydrochem di Pieve Vergonte. Lo stop è la conseguenza del divieto imposto dalla Direzione europea dell’Ambiente che ha detto basta alla continua proroga sull’utilizzo del vecchio impianto che utilizza il mercurio. L’impianto doveva essere sostituito da uno nuovo. Se ne parla ormai da anni ma ancora non c’è.

Oggi i lavoratori di Hydrochem – che dà lavoro a 110 persone – sono in sciopero. E’ la prima azione di protesta dopo la dichiarazione dello stato di agitazione concordato con i sindacati.

Certo lo stop all’impianto mette in dubbio il futuro occupazionale e produttivo dello stabilimento; già una quarantina di lavoratori rimarranno con le mani in mano con la fermata dell’impianto.

Sinistra Italiana si dice solidale con le maestranze: ‘’I lavori di adeguamento degli impianti andavano realizzati già da tempo ma, purtroppo, una certa inerzia da parte della società da un lato e oggettive complessità dall’altro hanno fatto maturare le criticità attuali’’. E che chiede a tutti di sostenere l’azione dei lavoratori.

Il sindaco di Pieve Vergonte, Maria Grazia Medali, aggiunge: ‘’Il risultato che volevano sentire l’abbiamo sentito. Cioè che l’azienda si è dichiarata disponibile a fare l’impianto. Ci daremo da fare per far sì che le problematiche di natura sociale siano più lievi possibili per i lavoratori, anche se oggi mi preoccupa di più l’indotto, che è meno tutelato’’.

 

Renato Balducci

 

Pin It

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa