logo1

Si al nuovo comune Vallecannobina

Nascerà nel 2019 dalla fusione tra Falmenta, Cavaglio Spoccia e Cursolo Orasso. La soddisfazione dei sindaci dopo il referendum consultivo di domenica: 185 i si, 97 i no

 urna elettorale

 

Si al nuovo comune Vallecannobina, che nascerà dalla fusione tra Falmenta, Cursolo Orasso e Cavagli Spoccia. L'indicazione arriva dagli abitanti attraverso il referendum consultivo che si è tenuto domenica: il 65% dei votanti si è detto favorevole alla fusione: 185 i si, 97 i no.

Vediamo nel dettaglio i numeri per ciascun comune: a Falmenta 49 si (il 69%) e 22 no, a Cavaglio Spoccia 85 i si (il 60%) contro 57 no, in questo comune registrate anche 2 schede bianche; a Cursolo Orasso i si sono stati 52, il 73%, 18 i no.

Ricordiamo che gli aventi diritto al voto erano circa 700 in totale ma di questi la metà circa si trova all'estero, solo una ventina (verosimilmente quelli più vicini) sono rientrati in paese per recarsi alle urne. Un dato particolarmente significativo è che ha partecipato al voto circa il 70% delle persone che vivono stabilmente in valle.

Ricordiamo che si trattava di un referendum consultivo, non era quindi necessario il raggiungimento del quorum.

Unanime la soddisfazione dei primi cittadini. <E' stato un buon risultato, sia per l'esito sia perché la gente ha partecipato alla consultazione referendaria> ha commentato il primo cittadino di Falmenta Luigi Milani. <Quando un sindaco riesce a far passare l'idea di un progetto da realizzare è contento che la gente aderisca, si tratta di un progetto per l'intera valle Cannobina> ha proseguito il sindaco di Cursolo Orasso Alberto Bergamaschi. <I risultati si vedranno poi negli anni, l'impegno per il 2018 sarà quello di armonizzare tutta l'organizzazione in vista del nuovo comune unico> ha concluso. Il sindaco di Cavaglio Spoccia Giuseppe Dellamora non ha nascosto l'incertezza iniziale da parte dei suoi cittadini, <Temevamo soprattutto per Cavaglio vista la scarsa partecipazione negli incontri pubblici precedenti, ma alla fine la risposta è stata positiva, mettendo al centro il futuro dell'intera Valle Cannobina e lasciando da parte i campanilismi> ha affermato; Cavaglio infatti è il comune più popoloso della valle e quindi anche quello con le maggiori entrate. Dellamora ha parlato dunque di una decisione lungimirante per far ripartire tutto il territorio valligiano.

Ora la Regione dovrà approvare l'apposito disegno di legge, il nuovo comune Vallecannobina vedrà la luce nel 2019. L'ubicazione del palazzo municipale sarà a Lunecco, vista la posizione baricentrica.

Un plauso a questa decisione di cittadini e sindaci anche dal primo cittadino di Borgomezzavalle Alberto Preioni, realtà amministrativa che nel VCO ha aperto la strada alle fusioni tra piccoli comuni.

Pin It

Web TV

Altre News

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa