Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

''Italia Nostra'' dice no all'off shore sul Maggiore

xcat stresa11Spettabili Organi di Informazione, nel 2009 a conclusione della gara motonautica di offshore svoltasi a Stresa cercai di tracciare un bilancio della manifestazione chiedendo pubblicamente agli organizzatori, fra cui il Comune, una minima prova delle conclamate 52 emittenti televisive internazionali, collegate con 146 Paesi, 245 milioni di audience, maggiori incassi di ristoranti e alberghi fra i 2 e i tre milioni di euro che l’evento aveva messo in moto. Manco dirlo neppure una risposta. Soprattutto sospetto risultava il forfait del Ministro del Quatar, sceicco Al-Thani, che, guardando il golfo Borromeo alle luci dell’alba, dalla finestra del suo lussuoso albergo, confessò di aver notato una grande somiglianza col suo posto del cuore, un lago azzurro incastonato nelle sabbie del deserto fra verdi palme lussureggianti. Gli domandai allora, in una lettera, scritta in lingua araba e conclusa in italiano, col celebre incipit petrarchesco “chiare, fresche, dolci acque...”, se avrebbe tollerato, nel suo amato eremo, una sfida come quella che si sarebbe svolta nello specchio d’acqua davanti a sé. Com’é, come non é, con lui che era stato pubblicizzato come il fiore all’occhiello, l’icona sacra della manifestazione, si dileguarono altri due gareggianti ma gli organizzatori non spiegarono mai il motivo del ritiro, avvolgendo la vicenda in un silenzio assordante. Ora il battage pubblicitario ha riproposto la stessa rappresentazione cambiando emiro ma col medesimo copione e stesse mirabilia. Dal momento che non è stata avvertita la gravità della violenza arrecata ai luoghi mi domando se il naso e gli occhi dei nostrani businessman registrino solo e unicamente l’odore e il colore dei petrodollari e petrorubli. Che cosa avrà pensato il principe ereditario di Dubai, dal nome complicato, di questi Italiani che gli chiedono con insistenza di venire a scaracchiare nello scrigno d’acqua più bello del mondo per di più dedicandogli una terrazza, con supremo sprezzo del ridicolo? Bisogna tuttavia riconoscere che il Principe è un bel ragazzo, ricchissimo e poeta, che tutti i genitori, compresi i più sfegatati egualitaristi, vorrebbero come genero. Ora si vedrà se grazie al gemellaggio l’afflusso di notabili da Dubai compenserà la perdita dei VIP fuggiti terrorizzati verso lidi più tranquilli. Di sicuro ci sarà invece la migrazione inversa dei nostri amministratori, magari a spese dei contribuenti stresiani, come usa in questi casi. Chi vivrà vedrà. Italo Orsi Italia Nostra VCO