Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

Le previsioni per il prossimo autunno: leggera crescita e bassa inflazione

La crescita economica a livello europeo sarà moderata, ha annunciato Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione europea responsabile per Lavoro, Crescita, Investimenti, Competitività, presentando le previsioni economiche d'autunno della Commissione europea.

"La situazione economica e dell'occupazione non sta migliorando con sufficiente rapidità", ha dichiarato Katainen. Per il 2014 il PIL reale dovrebbe aumentare fino all'1,3% nell'Ue e allo 0,8% nell'area euro, per poi salire lentamente nel corso del 2015, rispettivamente fino all'1,5% e all'1,1%, grazie ad una maggiore domanda interna ed estera; per un'accelerazione maggiore bisognerà attendere il 2016, con livelli del 2,0% e dell'1,7% dovuti a un rafforzamento del settore finanziario, dopo gli ulteriori progressi dell'Unione bancaria, e ai primi frutti delle riforme strutturali attuate recentemente dagli Stati membri.

Se confrontata con le riprese che hanno avuto altre economie avanzate a seguito di crisi finanziarie, quella dell'Unione europea appare debole, anche se la domanda interna dovrebbe beneficiare degli effetti della politica monetaria attuata dalla Bce e gli investimenti privati dovrebbero recuperare gradualmente, anche grazie alla riduzione degli oneri sui debiti privati. Si attende una leggera svolta in positivo anche per quanto riguarda i consumi privati, sostenuti dal basso livello dei prezzi delle materie prime e dall'aumento dei redditi disponibili dovuto anche al graduale miglioramento che si registrerà nel mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione si presenterà, infatti, moderatamente inferiore. Passerà al 9,5% nell'UE e al 10,8% nella zona euro, dati rassicuranti dal momento che si partiva da livelli piuttosto alti. Per quanto riguarda, invece, l'inflazione, il trend continua ad essere in calo. Il disavanzo degli Stati membri diminuirà ulteriormente: 3% Ue e 2,6% nella zona euro, mentre il rapporto deficit/PIL registrerà un picco dell'88,3% e del 94,8%.

I rischi al ribasso per le prospettive di crescita continuano, tuttavia, a dominare a causa delle tensioni geopolitiche, della fragilità dei mercati finanziari e del rischio di incompleta attuazione delle riforme strutturali. "Non vi è una soluzione univoca"- ha detto Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari –"dobbiamo agire su tre fronti: politiche di bilancio credibili, riforme strutturali ambiziose ed investimenti sia pubblici che privati". Le responsabilità, nelle parole del Commissario, sono, a questo punto sia delle autorità europee, sia dei governi nazionali.

Per l'Italia, le previsioni sono in linea con quelle europee. La variazione del PIL, quindi, dal -1,9% dello scorso anno avrà un'inversione positiva fino ad un 1,1% nel 2016. L'inflazione crescerà fino al 2%. La disoccupazione si mantiene stabile. Il rapporto debito/PIL aumenterà fino al 132%.