Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

Nel Nuovo Catasto anche i ghiacciai italiani

Il Nuovo Catasto è un atlante aggiornato al periodo attuale di tutti i ghiacciai italiani ottenuto grazie ai dati raccolti con foto aeree e immagini satellitari in un decennio dai ricercatori coordinati da Claudio Smiraglia, glaciologo della Statale di Milano, in collaborazione con l'Associazione Ev-K2-CNR e il supporto scientifico del Comitato Glaciologico Italiano. ''Il Nuovo Catasto dei Ghiacciai Italiani è uno strumento indispensabile per capire lo 'stato di salute' del cuore freddo delle nostre Alpi - spiega Smiraglia - la cui evoluzione è il principale indicatore dei cambiamenti climatici in atto''. Complessivamente sono 6 le regioni italiane, di cui una non alpina (Abruzzo) ad avere ghiacciai. La maggioranza dei 903 corpi glaciali presenti nel nostro Paese è di piccola dimensione. Rispetto al precedente censimento, il numero dei ghiacciai oggi è dunque aumentato, passando da 835 a 903, a causa di un'intensa frammentazione delle unità glaciali preesistenti. La superficie glaciale ha registrato una perdita del 30% (157 km2), pari all'area del Lago di Como. I ghiacciai italiani sono numerosi, ma frammentati e di piccole dimensioni (con un'area media stimata di 0,4 km²), ad eccezione di tre ghiacciai con un'area superiore ai 10 km²: i Forni in Lombardia, il Miage in Valle d'Aosta, e il complesso Adamello-Mandrone in Lombardia e Trentino, che è il ghiacciaio più grande d'Italia. La riduzione dei ghiacciai è maggiore in in Friuli e Piemonte, con un dimezzamento dell'estensione, mentre è di un terzo in Trentino Alto Adige. (ANSA).