Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

Istat, ancora in calo la fiducia delle famiglie

Italiani sempre più sfiduciati nei confronti del futuro dell'economia. L'indice sul clima personale, giudizi ed attese sulla situazione economica delle famiglie, infatti, ad agosto scende a 92 da 92,9, è il peggior dato dall'inizio delle serie storiche, cominciate nel 1996. Lo rileva l'Istat diffondendo i dati sulla fiducia dei consumatori. La valutazione delle famiglie consumatrici sulla propria condizione economica ad agosto si deteriora soprattutto a causa degli aspetti legati alle opportunità attuali e alle possibilità future di risparmio. Infatti, guardando ai diversi aspetti del clima personale, ad agosto migliora sia il saldo relativo ai giudizi sulla situazione economica della famiglia che quello relativo alle prospettive future. Meno peggioramenti - La quota di chi percepisce la situazione personale corrente come "peggiorata" o "molto peggiorata" scende al 51,5% rispetto al 58,2% registrato in luglio. Inoltre, migliorano lievemente i giudizi sul bilancio familiare. Mentre a far scendere l'indice, portandolo al minimo storico, sono le opinioni sull'opportunità attuale al risparmio, in sensibile diminuzione e anche le attese sulle possibilità future. Risparmi - Il risultato è spiegato principalmente da una riduzione, rispetto al mese precedente, della quota di rispondenti che ritengono di riuscire "probabilmente a effettuare risparmi in futuro" (dal 22,1% al 16,3%) e un aumento della quota di rispondenti che "probabilmente non riusciranno ad effettuare risparmi" (dal 21,8% al 29,0%). L'Istat ricorda che il clima personale è una delle componenti del clima di fiducia dei consumatori, si tratta di una dimensione che si affianca al clima economico (giudizi e attese sulla stato economico dell'Italia e sulla disoccupazione). Inoltre l'indice è diviso tra clima corrente, ovvero attuale, e clima futuro.  Fiducia consumatori in calo - Ad agosto l'indice del clima di fiducia dei consumatori segna una lieve diminuzione, passando a 86 da 86,5. Lo rileva l'Istat, sottolineando che la componente riferita al clima economico generale aumenta (a 69,4 da 68,7) mentre registra un calo il clima personale (a 92 da 92,9). Inoltre, l'Istat rileva un miglioramento per il clima corrente (a 94 da 92,6) a fronte di un peggioramento della situazione futura (a 76,7 da 79,8). Quindi dopo il miglioramento di luglio l'indice si riavvicina al minimo storico di giugno.