Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

Dom25082019

Back Sei qui: Home Notizie Notizie di Attualità

A Mezzana la Regio Insubrica si è confrontata sulla "Legge sulle Imprese Artigianali"

Si è riunito per la terza volta il Tavolo di lavoro economia dedicato alla LIA costituito dall’Ufficio Presidenziale della Comunità di lavoro Regio Insubrica il 18 marzo scorso allo scopo di seguire con attenzione prioritaria il tema.

L’incontro, sollecitato da Regione Lombardia per fare il punto e discutere alcune criticità emerse in relazione all’iscrizione all’Albo da parte di imprese artigiane italiane e coordinato dal Segretario della Regio Insubrica, Giampiero Gianella, alla presenza di rappresentanti di Regione Lombardia e Regione Piemonte, si è svolto in un clima cordiale e collaborativo.

Sono intervenuti in qualità di relatori il Presidente della Commissione di vigilanza Renzo Ambrosetti e il membro della Commissione di Vigilanza, Piergiorgio Rossi.

La riunione si è concentrata su alcuni aspetti formali e pratici segnalati tramite alcuni documenti condivisi di associazioni lombarde e piemontesi nell’applicazione della Legge e del Regolamento, attinenti in particolare alla documentazione richiesta in sede di presentazione dell’istanza di iscrizione all’albo, ai requisiti e titoli professionali richiesti, e alle tariffe applicate.

Gli interventi hanno permesso, oltre a fornire un utile aggiornamento dei dati statistici sulle istanze di iscrizione presentate entro il termine di fine settembre 2016, di discutere e chiarire i quesiti sollevati nello scritto e ulteriori domande poste dai partecipanti durante l’incontro. In merito si è convenuto di raccogliere da parte delle Associazioni economiche situazioni e casi presentatisi nell’ambito delle istanze di iscrizione all’Albo e sulle modalità di verifica e valutazione, da trasmettere alla Commissione di Vigilanza nell’ottica di assicurare, previa riunione tra le parti, una prassi condivisa di esame delle medesime.

I rappresentanti della Commissione di Vigilanza hanno preso pure atto di situazioni suscettibili di eventuali modifiche normative (Legge e Regolamento), che si sono riservati di sottoporre alle istanze cantonali competenti nel corso del prossimo incontro periodico.

 

In chiusura il Segretario della Comunità di lavoro, G. Gianella ringraziando i partecipanti per la costruttiva discussione ha dichiarato la disponibilità della Regio Insubrica a organizzare e coordinare, se necessario e richiesto, futuri incontri di aggiornamento sul tema.

Lavori sulla rete idrica ad Omegna. Martedì sarà sospeso il servizio

Martedì prossimo, 22 novembre sono previsti lavori di riparazione alla rete acquedotto in via Fratelli Di Dio 27, a Omegna.Tali lavori richiedono la chiusura di alcune valvole di intercettazione che causeranno la sospensione del servizio idrico. Il servizio sarà sospeso dalle 9 alle 17 circa ed interesserà : via Di Dio dal semaforo all'intersezione con via De Amicis fino all'incrocio con via Boggiani.

via Egro di Mezzo, via Andrea Costa, via Ferraris, vicolo Carnaro, via Citterio, via Trieste, Tratto iniziale via XI Settembre sino al ponte sul torrente Nigoglia.

Riunione ieri sera sull'illuminazione ad Omegna

Giudizio positivo, sia da parte dell'amministrazione che del consiglio di quartiere, sull'incontro tenutosi ieri sera per il problema legato all'illuminazione nel centro storico e nela zona del l lungolago, in particolare sulla passeggiata che collega Bagnella ai giardini pubblici. La riunione è stata molto partecipata, con la presenza dell'ingegner Polo dell'ufficio tecnico del comune e dell'assessore ai lavori pubblici Francesco Pesce. I cittadini, che si erano lamentati più volte nelle scorse settimane per il mal funzionamento dell'illuminazione, con la criticità emersa in maniera chiara durante la manifestazione Utlo, hanno chiesto il perchè dei continui guasti. " La motivazione purtroppo è molto semplice: la linea è ormai vetusta ed obsoleta e necessita di essere sostituita in blocco. Per questo abbiamo approntato il piano dell'illuminazione- ha spiegato l'assessore Pesce- con un intervento su tutta la rete cittadina di 2 milioni di euro: l'appalto dei lavori sarà a marzo e contiamo di avere la linea nuova per la fine dell'anno. Nello specifico, non sappiamo ancora che tipo di guasto continui ad esserci nella zona del lungolago: i tecnici sono intervenuti e stanno cercando di capirlo- ha spiegato Pesce. Rete vecchia dunque, ma non solo. " Gli atti vandalici che ci sono stati ai quadri elettrici in passato, così come il non corretto allacciamento da parte delle bancarelle alla rete- ha aggiunto Polo-non hanno certo contribuito a migliorare la situazione, ma ovviamente l'hanno peggiorata". Soddisfatta delle risposte avute la presidente del quartiere Alessandra Cuoretti. " Le spiegazioni a parere mio e del consiglio sono state esaustive: siamo venuti a conoscenza di tutta una serie di problematiche complesse e di difficile soluzione. Ora cercheranno di tamponare la situazione attuale, con la speranza che con la nuova rete si sistemi tutto. Invito comunque chiunque a segnalare i guasti non sui social network ma in comune, in modo tale che gli interventi possano essere tempestivi e risolutivi- ha sottolineato la presidente del consiglio di quartiere

Nasce in Piemonte centro diocesano fedeli separati

I vescovi di Biella, Casale Monferrato, Novara e Vercelli, di comune accordo, hanno apertoun Centro interdiocesano di accompagnamento per i fedeli separati. Lo scopo è di fornire un percorso pastorale a tutticoloro che soffrono in diversi modi una condizione diseparazione familiare e vogliono far chiarezza sulla situazione spirituale, ecclesiale e canonica del loro matrimonio.   I vescovi intendono esprimere così "la cura pastorale della Chiesa tutta verso le famiglie dei fedeli separati - spiegano in una nota - perché anche queste situazioni di sofferenza possano trovare nella Chiesa una casa accogliente".    Il Centro offre ai fedeli la possibilità di un accompagnamento spirituale, per crescere in un cammino diintegrazione. Per rendere accessibile più facilmente a tutti la possibilità di accompagnamento e discernimento, il Centro saràitinerante, in tempi e luoghi fissati presso le singole diocesi.(ANSA).

Sanità. Sindacati confermano lo sciopero del 9 dicembre. Fallita la mediazione del Prefetto

Sanità. Sindacati Vco confermano lo sciopero del 9 dicembre. Si è concluso con un nulla di fatto il tentativo di conciliazione messo in atto ieri dal Prefetto. A Villa Taranto si sono ritrovati i segretari di Uilfp. Fials e Fsi. Per il mondo sindacale le risposte arrivate dall’Asl – al momento – sono insoddisfacenti. La lista nera del sindacato si compone di 12 punti. Fra questi, nota dolente è la cronica carenza di organico nei Dipartimenti Emergenza accettazione di Domo e Verbania. Se al Castelli ad essere sottodimensionato è il personale medico, al San Biagio la penuria di personale interessa il comparto inferimieristico. “ Tutto questo – hanno spiegato i sindacalisti – complica l’articolazione dei turni “. Questioni note ai vertici dell’azienda sanitaria. “ Riconosciamo la non facile situazione. Abbiamo messo in atto procedure standard per scongiurare il protrarsi di queste condizioni. Per il 2017 stiamo studiando soluzioni diverse “ ha detto il direttore generale dell’Asl, Giovanni Caruso. Rispetto a dicembre 2015 infatti il personale dell’Asl del Vco risulta in aumento di 12 unità. “ Questo significa che qualcosa è stato fatto. I soldi per le assunzioni ci sono. Ma anche quando si vince il concorso poi si preferiscono altre realtà sanitarie “ spiega ancora Caruso. Le parti si incontreranno nuovamente venerdì 25 novembre. Sul piatto della discussione anche la possibilità che le 50 unità oggi in capo al Coq di Omegna possano tornare nei servizi di competenza diretta dell’Asl. Altra rivendicazione riguarda poi i compensi del personale. I sindacati lamentano disparità di salari fra il personale del Vco e altre Asl piemontesi. “ Si tratta di 100,150 sino a 200 euro in meno. Questo per effetto del blocco delle progressioni e dalla mancata contrattazione messa in atto a livello locale “ lamentano dal mondo sindacale.

" Più decoro per il lungolago di Intra "

Più decoro per il lungolago di Intra. Lo ha chiesto all'amministrazione comunale il consiglio di Quartiere che si è riunito ieri, alla presenza dell'assessore ai Lavori pubblici Roberto Brigatti. “Abbiamo fatto notare – riferisce la presidente Cristiana Bonfanti – che la statua di Felice Cavallotti è stata nuovamente vandalizzata. Qualcuno continua a togliere le lettere, sporcarla con scritte e ci salgono anche sopra”. I consiglieri chiedono anche più fiori sul lungolago, che appare troppo spoglio, e che le piante vengano potate con più senso estetico.
Infine, il consiglio vorrebbe un intervento per migliorare il sottopassaggio sotto corso Mameli, tra il supermercato Tigros e l'imbarcadero, che attualmente è zona di bivacco. L'intenzione è di renderlo più gradevole e accogliente per i pedoni, per dissuaderli dall'attraversare la statale che è ovviamente più pericolosa. “Abbiamo pensato alla realizzazione di un murales – prosegue Bonfanti – che potrebbe essere affidata a qualche associazione o a una scuola, sempre che sia fattibile. Abbiamo avanzato la nostra proposta all'assessore, chiedendo anche di migliorare l'illuminazione in quel punto”.
Proposta innovativa quella lanciata dal Museo del Paesaggio, che intende portare per qualche giornata le opere fuori dagli spazi espositivi consueti ed esporle nei quartieri. Il consiglio di Intra ha individuato come possibili luoghi o la ex chiesa di Santa Marta o la Soms di via De Bonis, che possono anche offrire le necessarie garanzie di sicurezza per le opere.

Migranti, presto a Re un consiglio comunale aperto con la presenza del Prefetto

Un consiglio comunale aperto incentrato sul tema dei profughi. Sarà questo il prossimo passo del sindaco di Re. Oreste Pastore è pronto a convocare una riunione "ad hoc" per discutere del tema relativo al recente arrivo di otto migranti, ospitati presso una struttura privata del paese. Su questa linea convergono anche le opposizioni. Appoggio a Pastore è già giunto da Massimo Patritti di "Rinnovamento e innovazione" ed ora arriva anche da Alessandro Cappini, capogruppo di "Re e frazioni, insieme per crescere": entrambi caldeggiano la convocazione di un consiglio comunale. "Verrà fissato a breve, attendo però la disponibilità a partecipare da parte del prefetto" spiega il sindaco Pastore. Sia Pastore che Patritti e Cappini richiedono un maggiore coinvolgimento e confronto da parte delle istituzioni su scelte delicate che ricadono su un piccolo centro, qual è quello di Re. Il timore è infatti quello che il numero dei migranti ospitati  in paese possa aumentare.  "Credo fortemente nei valori di solidarietà e accoglienza verso chi ha bisogno ma - precisa Cappini - il presupposto necessario affinché questi abbiano senso è che il contesto sociale in cui avvengono sia adeguato. I profughi arrivati a Re sono stati accolti in una struttura alberghiera (l'unica presente in paese) in grado di ospitare un numero di persone paragonabile a quello dei residenti (poco più di un centinaio)". "Se  fossero vere le voci sempre più insistenti - prosegue Cappini - secondo le quali arriveranno altre persone, si dovrà fare i conti con una situazione ingestibile in termini di numeri. Per quanto riguarda le "quote di accoglienza" rispetto al numero di residenti credo che la comunità vigezzina abbia già contribuito sufficientemente con la struttura di Craveggia.  "E' bene convocare con urgenza una seduta di consiglio comunale ma affinché questa abbia il giusto significato - conclude Cappini - sarà necessaria la presenza dei sindaci degli altri Comuni vigezzini e l'intervento del prefetto che parli chiaramente di ciò che ci aspetta per il futuro”.

Un nuovo discount a Villadossola ? Il parere della presidente dei commercianti, Erica Arioli

Fa discutere a Villadossola l'idea di un nuovo discount davanti alla Chiesa del Piaggio. La proposta è contenuta nel piano di recupero dell'area presentato dalla proprietà, la Piaggio srl, all'amministrazione comunale.

Villadossola ha già cinque tra supermercati e discount e l'arrivo di un altro potrebbe creare problemi. Ricordiamo che l'idea di un centro commerciale  nell'area ex laminatoio Sisma era stata bocciata dall'attuale amministrazione comunale di centrosinistra. La presidente dell'associazione commercianti di Villadossola non pare spaventarsi davanti ad una similie eventualità. " Anche la presenza in città di un'area dismessa non è una bella cosa - dice Erica Arioli -. In quanto al supermercato, il problema è generale. La grande distribuzione non interessa solo noi o Domo ma l'intero paese ". Arioli parla del difficile momento che sta attraversando in commercio in città e all'amministrazione chiede di studiare incentivi per attrarre nuove attività commerciali a Villadossola.   

Si stanno posando le luminarie a Domo. Per le quote (che scendono) saranno coinvolti anche uffici, studi, banche

Si stanno posando le luminarie natalizie a Domodossola. Saranno accese lunedì 28 novembre e fino all’8 gennaio. L’obiettivo è quello di decorazioni più belle degli anni passati e in più vie: s’accenderanno per esempio anche le vie Galletti, Francioli e Bagnolini. La spesa, circa 20 mila euro, è coperta dall’amministrazione Pizzi che chiederà – a partire dalla prossima settimana, attraverso la Pro Loco-, un contributo ai commercianti. E non solo: novità di quest’anno, oltre ad una diminuzione della quota richiesta da 90 a 60 euro più IVA, è che la richiesta sarà rivolta, oltre che ai commercianti, anche a banche, studi professionali e uffici che si affacciano sulle vie interessate. <Ci siamo attivati proprio per sensibilizzare questi nuovi soggetti> riferisce il presidente della Pro Loco Davide Bonacci. 
Non ci sono ancora indicazioni precise dunque sull’adesione dei commercianti <Ma la sensazione è positiva, per l’abbassamento della quota, per il riscontro tra la gente che sta osservando questo ampliamento delle vie illuminate e perché la scelta non è stata quella di mettere le luci nelle vie dove i commercianti pagano ma di abbellire la città> spiega l’assessore al commercio Simona Pelgantini. 
Sensazioni positive anche dal vice sindaco e assessore al turismo Angelo Tandurella. <Proviamo a capire se un impegno maggiore del comune vedrà anche una maggiore partecipazione dei commercianti> dice, una sfida che se avrà risultati positivi da parte di uffici e negozianti potrà portare, nei prossimi anni, a luminarie sempre più belle. 
Ricordiamo che su 300 commercianti nel 2015 avevano aderito in 109 e i numeri negli ultimi anni sono stati sempre in diminuzione. 
Si sta recapitando a tutte le attività insistenti nelle principali vie e piazze di Domodossola una lettera a firma del Sindaco Pizzi, e degli assessori  Pelgantini e Tandurella con cui l'amministrazione comunica di sostenere il progetto delle luminarie natalizie e coinvolge le attività nel programma di abbellimento natalizio delle vie cittadine auspicando di ottenere una crescente adesione e partecipazione.
L’iniziativa si inserisce in un percorso di dialogo avviato tra amministrazione e commercianti, esercenti e artigiani.

Sanità, Piemonte esce dal piano di rientro. Soddisfatto Chiamparino

"La sanità piemontese, dopo cinque anni, esce dal piano di rientro, senza alcun inasprimento fiscale. Questo consente ora alla Regione di agire in autonomia e di guardare avanti nella gestione della sanità regionale". Ilpresidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, annuncia così l'intesa raggiunta col governo, "che ci permetterà diportare in sei anni i pagamenti del settore - sottolinea a 60giorni, in linea con le richieste europee, e di pagare in diecianni i debiti pregressi, ben 885 milioni di euro nei primi setteanni".

Domenica gara di volo libero pro terremotati. Decollo dal Passo del Moro

Il "Deltaclub Monterosa", presieduto da Pier Giorgio Ghizzo, organizza una gara di precisione in atterraggio aperta parapendii, deltaplani e mini wings. È il presidente stesso che illustra la giornata: «Ho voluto riproporre anche qui l’iniziativa attuata da Maurizio Bottegal. Il mondo del volo libero vola in soccorso delle popolazioni colpite dal terremoto, specie quelle di Castelluccio di Norcia, località particolarmente frequentata dai piloti di volo libero. Quella da noi pensata sarà certamente una manifestazione di vicinanza e solidarietà a favore dei terremotati, ma vuole essere anche una giornata di divertimento ai piedi del Monte Rosa, con una gara aperta a tutti i piloti brevettati». La manifestazione si svolgerà, condizioni meteo permettendo, la prossima domenica 20 novembre, con eventuale recupero domenica 27. Decollo dal Passo del Moro con atterraggio a Pecetto. Pier Giorgio Ghizzo precisa: «La quota di iscrizione alla gara è a offerta libera e l’intero incasso sarà destinato ad un Ente o Associazione (ancora da individuare a seconda delle necessità) di Castelluccio di Norcia.
 
Da parte Filippo Besozzi, direttore della MTS, la società degli impianti di risalita aggiunge: «Noi offriamo l’apertura delle funivie per il Passo del Moro e l’incasso raccolto lo aggiungiamo alla raccolta fondi promossa dal Delta Club Monterosa. Sarà nostra cura collaborare anche nella predisposizione del piano di decollo».
 
Info e iscrizioni: 393 93 38 769. 

L & M

laghiemonti
Laghi &
Monti

Azzurra Sport

azzurrasport
Azzurra
Sport

Web TV

webtv
VCO azzurra TV in Streaming

VCO Notizie

vconotizie
VCO Azzurra TV
telegiornale

Non di solo pane

nondisolopane
Non di
solo pane

Extra

extra
Approfondimento 
giornalistico

Vivere in salute

vivereinsalute
Vivere
in salute

Cronaca 7

Vivere in salute
Approfondimenti
di cronaca

Il Sasso nello Stagno

sasso nello stagno
Approfondimento 
giornalistico

Dilettanti per dire

dilettanti
Appuntamento
settimanale

Weekend..

weekend
Weekend
in viaggio

L'Infinito dentro un bisogno

infinito dentro un bisogno
L'infinito dentro un bisogno

Baskettando

baskettando
Rubrica
sportiva

La nostra storia

lanostrastoria
La nostra
storia

Sportivamente

sportivamente
Sportivamente
 

La nostra sede

Tele VCO 2000 s.r.l.

Copyright 2015 © Tutti i diritti riservati
Via Montorfano, 1 - 28924 Verbania Fondotoce (VB)
Tel. +39 0323.589711
Fax +39 0323.496258
Cap.Soc. € 155.000 i.v. Iscr.Reg.Imprese Verbania 
n. 00877200030
Direzione e coordinamento  di “IL CLUB S.R.L.” R.E..A. V.C.O. n.133820
Cod.Fisc./Part. I.V.A. 00877200030

La nostra sede