Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

Sab24082019

Back Sei qui: Home Notizie Notizie di Politica

Il ministro Boschi il 5 agosto alla Lucciola di Villa. Sarà intervistata da Maurizio De Paoli

Il ministro per le riforme costituzionali ed i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ospite della festa del PD alla Lucciola di Villadossola venerdì 5 agosto. L’incontro è stato fissato alle 18. Sarà intervistata dal nostro direttore Maurizio De Paoli.

Ad Agrano di Omegna la festa di Lega e FdI. Ed è avvio di campagna elettorale

Nell’area feste di Agrano ‘Omegna in festa’, due giorni di iniziative promosse nei giorni scorsi da Lega Nord e Fratelli d’Italia, momenti conviviali ma anche di confronto con la popolazione sui temi di maggiore attualità, un momento che di fatto ha segnato l’avvio della campagna elettorale in città. Si è parlato di sanità, del futuro del COQ e della chiusura notturna del punto di primo soccorso ma anche della nuova attenzione che necessitano i quartieri. Significativa la scelta di tenere la festa proprio ad Agrano.

Sabato a Domo il primo consiglio comunale del sindaco Pizzi. Presidente Valentini. Confermata la giunta

E' già al lavoro la giunta Pizzi, insediatasi ufficialmente sabato sera a teatro Galletti. Nella prima seduta del consiglio il sindaco Lucio Pizzi ha confermato la scelta della squadra: Simona Pelgantini ,Antonella Ferraris, Franco Falciola, Daniele Folino e Angelo Tandurella, che sarà anche vicesindaco.
Presidente del consiglio comunale è stato eletto Carlo Valentini, della Lega Nord, votato dalla maggioranza con 11 voti. Quattro voti sono andati a Marina Oliva di Forza Italia (votata da Pd e Lista Cattrini) e due a Monica Corsini dei 5Stelle. Col Pd ha criticato il voto a Valentini definito ''uomo di partito con cariche all'interno della Lega''. Valentini si è detto onorato dell'incarico: ''Sarò super partes e garantirò l'imparzialità''.
Dopo le nomine, le prime polemiche sollevate dal Partito democratico. Lilliana Graziobelli ha criticato Pizzi per aver relegato le altre forze di centrodestra ad un ruolo minore ''formando una giunta fucsia'', il colore del simbolo della lista Pizzi. Mentre Davide Bolognini ha promesso: ''Saremo vigili sui conflitti di interesse della sua maggioranza e sulla presenza tra le sue fila di esponenti della destra, cosa che preoccupa per una città come Domodossola''. Più soft l'opposizione iniziale del gruppo Lista Cattrini (Claudio Rapetti Lombardo e Gian Luigi Bottaro) mentre quella di sabato è stata la prima uscita ufficiale per il Movimento 5 Stelle a Domo.
Allineati alla maggioranza gli interventi dei gruppi fedeli a Pizzi (Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega Nord e Lista Pizzi) con Fabio Patelli (Lega Nord) che ha chiesto ed otteneva un minuto di silenzio per le vittime dell'attentato terroristico a Dacca in Bangladesh.
Fermo sulle sue scelte il sindaco Lucio Pizzi, che elencando il programma ha parlato di sicurezza, controllo del patrimonio immobiliare, dei ricorsi in atto tra cittadini e il Comune, degli interventi in città, dell'aiuto agli anziani e alle famiglie, dell'attenzione ai giovani ed anche della volontà di ampliare e riqualificare la casa di riposo di via Romita; infine ha parlato della creazione di un osservatorio sugli appalti. ha concluso dicendo: ''Ho in mente una Domodossola che finalmente rialzi la testa''.

M5S Vb, ricovero Muller: ''ora tocca al consiglio comunale affrontare il problema''

Comunicato Stampa - Nei giorni scorsi abbiamo informato la cittadinanza sulla sfiducia ad opera del Consiglio di Amministrazione del Muller, verso l'attuale Presidente. Ciò è avvenuto durante il consiglio straordinario del 2 Luglio, con una votazione a maggioranza: 4 componenti su 6 hanno votato la sfiducio più uno astenuto.

Tra i fatti che hanno portato a questa situazione, come risulta dai verbali, vi è quello del presidente del cda che ha acquistato del materiale da un consorzio di cui risulta essere amministratore in quanto è presente all'interno del consiglio di amministrazione. E' evidente che l'atto di acquisto in questione, formalizzato con un affido diretto, non è contrario alle leggi, ma è altrettanto evidente che il cda ha ritenuto, dal punto di vista morale, questo un fatto grave.
Della vicenda abbiamo già, su richiesta specifica di un commissario, informato la Commissione servizi alla persona del comune di Verbania nella seduta del 05/07/2016.
Per riportare il caso nel Consiglio Comunale presenteremo un'interpellanza per chiedere all'amministrazione di farsi parte attiva per cercare di fare chiarezza nella vicenda.
Il Movimento 5 Stelle Verbania ha sempre e solo pensato al bene della cosa pubblica, quindi anche della struttura in questione, senza fini scandalistici, ma per tutelare i cittadini, ora tocca al consiglio comunale ed all'amministrazione trovare una soluzione che ripristini i lavori del cda del Muller per uscire da questa situazione di stallo.
MoVimento 5 Stelle Verbania

Domo: Tandurella vicesindaco, Valentini presidente del consiglio

Valentini presidente del consiglio, Tandurella vicesindaco. Parte così la maggioranza Pizzi, insediatasi ufficialmente sabato sera a teatro Galletti dove si è tenuto il primo consiglio dopo le elezioni vinte dal centrodestra.

Pizzi ha spiazzato tutti perché si pensava che la carica di vicesindaco andasse a Franco Falciola, politico esperto di lungo corso. Ma il sindaco ha deciso altrimenti. Per il resto tutto confermato. Assessori saranno quindi Angelo Tandurella, con le deleghe a bilancio e finanze, innovazione tecnologica, giovani e sport, turismo a promozione enogastronomica. Poi Simona Pelgantini commercio, mercato, attività produttive, agricoltura, personale; ad Antonella Ferraris coesione sociale, welfare e volontariato, servizi demografici, pari opportunità, decentramento e frazioni; Franco Falciola vanno pianificazione territoriale, edilizia privata, verde pubblico, infrastrutture e patrimonio; a Daniele Folino cultura, servizi educativi, ambiente e politica dei rifiuti, affari legali e anticorruzione. Il resto rimarrà nella mani del sindaco (polizia municipale, protezione civile. Rapporti con le partecipate, frontalierato, e la nuova delega ai piccoli interventi per far fronte alle richieste ed ai suggerimenti dei cittadini.

A presiedere invece il consiglio comunale sarà Carlo Valentini, della Lega Nord. E' stato votato dalla maggioranza (11 voti). Quattro voti sono andati a Marina Oliva (per lei hanno votato Pd e Lista Cattrini) e due a Monica Corsini (il voto dei 5Stelle).

E' stato il Pd ad indicare Marina Oliva, sostenuto anche dalla lista Cattrini.

''Valentini è un leghista con cariche all'interno del suo partito, quindi uomo di parte. Marina Oliva invece è persona di esperienza avendo già svolto questo ruolo'' ha detto Davide Bolognini (pd). Un'azione di disturbo, per testare la maggioranza. Infatti, se Oliva oltre ai 4 voti di Pd e Lista Cattrini avesse preso un voto in più , si sarebbe trattato di un segnale che la maggioranza non è compatta. Non è stato così.

Villa: martedì 12 luglio, consiglio comunale straordinario

Martedì 12 luglio 2016, alle ore 20.30, a Villadossola, è convocato un Consiglio Comunale straordinario con il seguente ordine del giorno: “Accoglienza cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale”. Al termine della seduta avrà luogo un’assemblea aperta al pubblico e agli organi di stampa, con la presenza di un rappresentante della Prefettura.

Domani sera alle 21 consiglio comunale a Domodossola. Il primo per l'amministrazione Pizzi

Sabato sera alle 21 a teatro Galletti prima riunione del consiglio comunale uscito dalle urne del 5 giugno. Il battesimo della nuova amministrazione a guida Lucio Pizzi. Insolita la convocazione dell’assemblea municipale sabato sera. Per il centro destra è un segno di discontinuità rispetto al passato. Anche l’intenzione di voler comunicare prima alla città che alla stampa, le deleghe assessorili sembra voler significare una rottura con il passato. E non solo con l’ex governo a guida centro sinistra. Incontriamo il sindaco domese nel suo ufficio.  Immerso fra le carte. Sino ad oggi l’ordinanza anti accattonaggio è l’argomento di cui più si è discusso in città sottolineano nel nostro colloquio. “ Ho studiato la normativa a fondo. Per il futuro è mia intenzione tutelare la città sia a livello politico che legale. Mi opporrò a nuovi arrivi e soprattutto è mia intenzione operare perché si spostino verso altre strutture i migranti residenti in centro città, vicino a scuole o asili “ dice Pizzi. Gli chiediamo le sue intenzioni sul futuro dell’Unione montana. “ La materia non è facile. Sto studiando.  La giornata è fatta di sole 24 ore – scherza - .  Cattrini aveva portato Domodossola all’interno di questo ente salvo poi defilarsi. La nostra presenza non è imposta dalla legge. Valuteremo il da farsi, pro e contro “ promette.

Palazzo Pretorio ha tenuto nuovamente banco ieri sera in consiglio a Verbania

Ancora una volta il destino di Palazzo Pretorio in piazza Ranzoni ha suscitato lunghi dibattiti in consiglio comunale, con la minoranza (a eccezione di Vladimiro Di Gregorio) che ha abbandonato l’aula di Palazzo Flaim al momento del voto e tre consiglieri del Pd che si sono astenuti. Si tratta del lungo e controverso iter che aveva prima portato alla vendita del pian terreno dell’antica sede municipale. Il bene era stato inserito dalla giunta Marchionini nel piano delle alienazioni comunali, poi per volontà del Partito Democratico, l’amministrazione comunale aveva dovuto fare marcia indietro. Intanto però la vendita era andata avanti con l’apertura delle due buste arrivate da privati e l’aggiudicazione all’offerta migliore per 218 mila euro. Ora i due cittadini, che sono commercianti che desideravano acquistare i locali per ampliare le proprie attività, non intendono rinunciare e, come avevamo anticipato nei mesi scorsi, hanno presentato ricorso al Tar.

Secondo Davide Lo Duca, del Partito Democratico, si tratta di un caso in cui “il bene comune prevale su quello dei privati”. Bene comune, che, come ha detto il segretario del Pd Nicolò Scalfi, si concretizza nella possibilità di usare quegli spazi come vetrina per realtà cittadine come già avvenuto per il Museo del Paesaggio e nei prossimi mesi potrebbe avvenire per il teatro Maggiore e il Parco Valgrande.

Non hanno condiviso la posizione del partito astenendosi Marinella Ferraris, Liliana Maglitto e Michele Rago. “Non sono contraria al fatto che l’immobile resti comunale – ha spiegato Ferraris -, ma non condivido il percorso di questa vicenda”.

Astenuti anche Damiano Colombo (Ncd) che in quel momento presiedeva la seduta e Giordano Ferrari (Gruppo Misto). Favorevole Vladimiro Di Gregorio che invece ha sottolineato che alla fine, nonostante l’iter “pasticciato” seguito, quello che conta è il risultato, ovvero il fatto che i locali restino comunali.

Rimandata invece in commissione urbanistica la variante che prevede la realizzazione del nuovo parcheggio dei pullman a Madonna di Campagna.

Agrano ospita la prima festa del centro destra omegnese. Si comincia domani

Domani e dopo, due giorni di festa ad Agrano. E’ quella promossa dal centro destra omegnse. Politica sì ma anche musica e cucina.. Lega Nord, Fratelli d’Italia e Forza Italia si sono date appuntamento nell’area feste della frazione omegnese. All’evento politico hanno aderito anche personaggi della scena politica nazionale come il leghista Giancarlo Giorgetti o il collega Mario Borghezio. Ma ci saranno anche esponenti di FdI e Fi.  “Sarà l’occasione per avviare un primo confronto sulle elezioni amministrative della primavera 2017” fanno sapere Mattia Corbetta e Stefano Strada. In agenda anche il referendum, d’autunno e la sanità. Materia calda di questi tempi a Omegna.

Cattrini rassegna le dimissioni dal consiglio domese. Al suo posto Rosario Mauro

Dalle 12 di oggi è ufficiale. L’ex sindaco Mariano Cattrini non sarà sui banchi del consiglio domese. Ha rassegnato le sue dimissioni. L’atto è stato protocollato in mattinata in Comune. Al suo posto subentra il primo dei non eletti del Pd ovvero Rosario Mauro.

Tensioni nel Pd dopo la sconfitta a Domodossola

C'è confronto, anche duro, nel Partito Democratico dopo il voto che a Domodossola ha visto il centrosinistra perdere la città. Un confronto a 360 gradi, sia nel direttivo provinciale che in quello del circolo domese, dove non sono mancate le analisi pungenti sulla situazione creatasi.

Iniziamo da Domodossola. Qui si è ormai arrivati la resa dei conti fra alcuni esponenti della minoranza e la maggioranza, dopo che la segreteria cittadina si è presentata con le dimissioni in mano. Nel circolo domese c'è una spaccatura che divide i fedeli all'ex consigliere comunale Damiano Delbarba dalla maggioranza. Una frattura insanabile che ha visto la minoranza chiedere l'azzeramento dei vertici, un'assemblea e un congresso straordinario. Nella maggioranza del partito fanno quadrato e rigettano le accuse sostenendo che Delbarba rappresenta solo una manciata di iscritti. Il direttivo si riunirà ancora nelle prossime per affidare ad Antonio Leopardi, ex segretario ed ex assessore, il compito di traghettare il partito.

Anche il direttivo provinciale non è stato tranquillo. La perdita di Domodossola ma anche le tensioni a Verbania e Omegna tra il partito e chi amministra ha generato critiche e tensioni che hanno coinvolto la gestione della segreteria provinciale. Insomma, il Pd nel Vco è alle prese in una profonda riflessione come in fondo avviene anche a livello nazionale.

A richiamare un po' d'attenzione sul partito potrebbe essere anche l'ormai imminente festa dell'Unità alla Lucciola di Villadossola, che si tiene ogni anno a Villadossola. E per l'edizione 2016 sembra quasi certa la partecipazione del ministro per le riforme costituzionali Maria Elena Boschi.

L & M

laghiemonti
Laghi &
Monti

Azzurra Sport

azzurrasport
Azzurra
Sport

Web TV

webtv
VCO azzurra TV in Streaming

VCO Notizie

vconotizie
VCO Azzurra TV
telegiornale

Non di solo pane

nondisolopane
Non di
solo pane

Extra

extra
Approfondimento 
giornalistico

Vivere in salute

vivereinsalute
Vivere
in salute

Cronaca 7

Vivere in salute
Approfondimenti
di cronaca

Il Sasso nello Stagno

sasso nello stagno
Approfondimento 
giornalistico

Dilettanti per dire

dilettanti
Appuntamento
settimanale

Weekend..

weekend
Weekend
in viaggio

L'Infinito dentro un bisogno

infinito dentro un bisogno
L'infinito dentro un bisogno

Baskettando

baskettando
Rubrica
sportiva

La nostra storia

lanostrastoria
La nostra
storia

Sportivamente

sportivamente
Sportivamente
 

La nostra sede

Tele VCO 2000 s.r.l.

Copyright 2015 © Tutti i diritti riservati
Via Montorfano, 1 - 28924 Verbania Fondotoce (VB)
Tel. +39 0323.589711
Fax +39 0323.496258
Cap.Soc. € 155.000 i.v. Iscr.Reg.Imprese Verbania 
n. 00877200030
Direzione e coordinamento  di “IL CLUB S.R.L.” R.E..A. V.C.O. n.133820
Cod.Fisc./Part. I.V.A. 00877200030

La nostra sede