logo1

alluvione generica

Comunicato Stampa - E’ stato inviato al Dipartimento della Protezione civile il Rapporto dell’evento relativo all’alluvione che ha colpito il Piemonte nei giorni 23, 24 e 25 novembre.

 

Ingenti sono stati i danni soprattutto alle infrastrutture che i tecnici della regione hanno formalmente quantificato in 317 milioni per gli interventi di somma urgenza e di urgenza, considerando quelli censiti dai Comuni, dalle Province da AIPO e dalle ATO e di 496.855.000 quelli necessari per il ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate.

Il rapporto che accompagna la richiesta di dichiarazione di Stato di Emergenza e la richiesta di sospensione dei vincoli finanziari, evidenzia nel contempo, come ha sottolineato il Presidente Sergio Chiamparino “che le opere realizzate negli ultimi anni dopo l’alluvione del 94 (la cui portata è stata paragonabile a quella in questione) e di quelli successivi hanno evitato che il bilancio fosse decisamente più pesante sia in termini economici che di vite umane, anche grazie all’impegno e all’esperienza dei tecnici regionali e provinciali, dei volontari della Protezione Civile, dei Sindaci, delle Prefetture, delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco che hanno svolto un grandissimo lavoro nei giorni dell’evento.”

Nel computo sono esclusi i danni ai privati e quelli all’agricoltura la cui quantificazione richiederà ancora del tempo.

Le maggiori criticità si riscontrano nei settori dell’alta val Tanaro, nelle valli Corsaglia, Ellero, nelle valli Pellice, Germanansca e Chisone e nelle Valli di Lanzo.

I corsi d’acqua maggiormente interessati hanno manifestato problemi anche nelle fasce di pianura (Chisola, Casternone, Ceronda, Pellice, Tanaro, Bormida e Po), causando estesi allagamenti che hanno interessato anche zone abitate come il cedimento di settori di argine lungo il torrente Chisola presso Vinovo e presso Moncalieri.


Web TV

Sport

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa