logo1

Coldiretti: ''lo stop cinese ai formaggi erborinati minaccia l'export del gorgonzola''

coldiretti logo

Lo stop cinese all’import dei formaggi erborinati dall’Unione Europea “mette a rischio una filiera, quella del Gorgonzola, che parte dalla produzione e dalla lavorazione di un latte di alta qualità, che è il vanto della tradizione zootecnica degli allevamenti novaresi. E’ una decisione assurda, che ha il sapore della beffa: il ‘verde’ del Gorgonzola che piace a tutto il mondo, evidentemente, non è il colore preferito dalla Cina”.

Lo rimarca Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara Vco, nel commentare la stretta delle autorità sanitarie cinesi sui formaggi erborinati europei, cioè quelli contenenti muffe, come il Gorgonzola, il Taleggio, il Camembert e il Roquefort che vengono bloccati alle frontiere. “Uno stop ingiustificato che va contro la tendenza di un mercato in espansione, che già nel 2016 ha visto i consumatori cinesi totalizzare un consumo di 15mila i chili di Gorgonzola”.

Sono numerose le misure di carattere fitosanitario che impediscono ai prodotti Made in Italy di raggiungere il gigante cinese con il quale sono in corso numerose trattative, dalle mele alle pere, dalla farina di frumento al riso da risotto. Una anomalia se si considera che la Cina ha fatto scattare in Europa ben 256 allarmi per prodotti alimentari pericolosi nel 2016 secondo il rapporto del sistema di allerta rapido dell’Unione Europea e si colloca – spiega la Coldiretti - tra i Paesi piu’ insicuri dal punto di vista alimentare.

Il Made in Italy a tavola in Cina ha registrato un balzo del 17% del valore delle esportazioni agroalimentari nazionali nel primo bimestre del 2017.

Il Gorgonzola sta vivendo un forte sviluppo del mercato estero, ma soffre allo stesso tempo del fenomeno del cosiddetto ‘italian sounding’, con numerose e improbabili ‘imitazioni’ che lo penalizzano fortemente sui mercati dei 5 continenti: addirittura negli Stati Uniti è stato smascherato, negli scorsi anni, un Gorgonzola ‘tarocco’ prodotto nel Wisconsin.

Non solo: proprio la scorsa estate, gli allevatori novaresi di Coldiretti hanno protestato a Roma, davanti a Montecitorio, contro gli accordi Ceta che, di fatto, rischiano di dare ‘bandiera verde’ alla produzione di ‘finto Gorgonzola’ made in Canada.

Va ribadito che il Gorgonzola è un formaggio a denominazione di origine protetta che può essere prodotto solo e unicamente in un territorio circoscritto a un determinato numero di province piemontesi e lombarde, utilizzando il latte munto nelle medesime. Il Piemonte nel 2016 ha totalizzato una produzione pari a 40 mila tonnellate, circa il 50% della produzione totale.

Il prodotto Made in Italy più richiesto dal gigante asiatico, oggi, è invece il vino per un importo di 101 milioni di euro nel 2016 mentre il prodotto alimentare cinese più importato in Italia è il concentrato di pomodoro per un valore di 63 milioni di euro nel 2016 che viene poi spacciato come italiano per la mancanza di un sistema di etichettatura di origine obbligatorio.

Pin It

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa