logo1

vconotizie

Il 16 maggio del 1977 veniva costituito il Rotary Club Val Ticino con la “prima conviviale” tenutasi ad Oleggio nella sede provvisoria dell’Hostaria della Circonvallazione. Quarant’anni dopo il Rotary celebra l’importante ricorrenza con una conviviale al Club Unione ricca di avvenimenti.

vconotizie

Sono stati rinnovati per il quadriennio 2017-2021 gli organi istituzionali dell’Associazione delle 12 Fondazioni di origine bancaria del Piemonte.

vconotizie

È aperto il bando “Vivomeglio” della Fondazione CRT, che stanzia oltre 1,3 milioni di euro per progetti di welfare capaci di migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità sul territorio del Piemonte e della Valle d’Aosta. Enti e associazioni non profit potranno presentare le domande fino al 30 giugno sul sito www.fondazionecrt.it.

lupo

Mentre oggi nelle Alpi centrali e orientali italiane il lupo è ancora una novità, in Piemonte, principalmente nelle province di Cuneo, Torino e Alessandria, la specie è ormai presente su tutto il territorio montano, ed è aumentata in numero, distribuzione e densità, raggiungendo anche le zone più collinari.

torino palazzolascaris

Sono 66 i progetti delle Case della Salute che la Giunta regionale avvierà e finanzierà nel corso del 2017. Il provvedimento che stanzia la prima tranche di 4 milioni di euro da destinare alla partenza delle attività sarà approvato nei prossimi giorni, ma questa mattina l’assessore regionale alla Sanità ha illustrato l’intero piano nel corso della riunione di Giunta.

 

torino palazzolascaris

Promuovere l’economia verde, la sostenibilità dei trasferimenti casa/scuola e valorizzare il paesaggio: sono i temi dei progetti in gara per il premio “Incubatori di Green education 2016”, il cui evento conclusivo si è svolto oggi nell’Arena Piemonte del Salone del Libro di Torino.

torino palazzolascaris

Strutture diffuse, che mirano a recuperare e valorizzare il patrimonio edilizio, la cultura e le tradizioni locali dei piccoli centri montani e collinari, caratterizzate da uno stabile principale, destinato ad accogliere i servizi di uso comune, collegato a una serie di locali, distanti fino a mille metri, che ospitano camere alberghiere: queste le specificità dell’albergo diffuso, nuova categoria alberghiera introdotta dal regolamento approvato oggi dalla Giunta regionale.

Web TV

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa