logo1

25 settembre in Ticino referendum anti-frontalieri

svizzera bandiera

Tempi  sempre più duri per chi lavora oltreconfine. In  Svizzera l'UDC chiama i Ticinesi alle urne per il referendum contro le  assunzioni di stranieri e il dumping salariale e loro, i frontalieri,  vanno su tutte le furie.

Il prossimo 25 settembre nel Canton Ticino gli elettori saranno infatti chiamati ai seggi per decidere su una modifica  costituzionale "per la salvaguardia dell'identità ticinese, contro  l'immigrazione di massa e il dumping salariale". Il referendum, proposto dall'UDC, trova l'appoggio anche della Lega dei Ticinesi e mira a - parità di qualifica professionale - a dare la precedenza nelle  assunzioni ai connazionali, rispetto agli stranieri. Già nel 2014 un  referendum aveva peraltro stabilito la possibilità di contingentare il  numero dei lavoratori stranieri. E' seriamente preoccupato Antonio  Locatelli.  I frontalieri però, a prescindere dalle difficoltà del  momento, non vogliono creare ( per il momento ) inutili allarmismi.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa