logo1

Grande successo per la International Veia Sky Race

 
 
Giornata perfetta domenica per i runners, duello tra Tadei Pivk e Daniel Antonioli, l'ha spuntata quest'ultimo
 
 
 
veiaCome sempre enorme successo per la International Veia Sky Race Trofeo Giampiero Bragoni, svoltasi domenica in Valle Bognanco: la gara era anche valida come  prova delle Italy Series e campionato Italiano C.S.E.N. Il sole l'ha fatta da padrona, regalando una giornata perfetta ai runners. Il via della 31 km alle 7.40 dall'Alpe Gomba, da quest'anno sede di partenza della gara. E nella prova più massacrante fin dalle prime battute Tadei Pivk e Daniel Antonioli dell'Esercito hanno dato vita ad un appassionante duello: i due sono transitati appaiati in vetta alla cima Verosso, poi sull'ultima salita verso il lago di Paioni l'attacco vincente di Antonioli che complice i crampi accusati dall'avversario friulano ha messo la freccia e si è presentato tutto solo, dopo 3h3'37'' al villaggio La Veia. Alle spalle del campione dell'EserciTO il portacolori del Team La Sportiva Tadei Pivk staccato di 3'09'' mentre sul terzo gradino del podio è salito il giovane svizzero campione del mondo Under 20 Roberto  Delorenzi  con il tempo di 3h08'12''.A completare la top ten Daniele Cappelletti, il  Francese del team Scott Adrien Michaud,  l'ossolano Rolando Piana del Team Valetudo quindi Stefano Rinaldi, Diego Simon, Gabriele Bacchion e Paolo Poli. In campo femminile trionfo per la favorita, la rumena della Valetudo skyrunning Italia  Denisa Dragomir con il tempo di 3h36'46' che per il terzo anno consecutivo si conferma regina della gara di Bognanco. Argento la francese   Celia Chiron del Team Scott e terza l'Italiana Daniela Rota. Nella 22 km partenza a razzo per Mattia Scrimaglia, che venerdì aveva vinto il Vertical. Dietro di lui il terzetto formato da Mauro Stoppini, Andrea Rota e Mattia Bertoncini, capaci di raggiungere Scrimaglia nella parte più tecnica del percorso. Anche qui decisiva l’ultima salita, con Rota a fare selezione ed a sferrare l’attacco vincente che gli ha consentito di arrivare per primo al traguardo in  2h02'46''. Secondo Mattia Bertoncini del G.S.A Valsesia e terzo Mauro Stoppini del Team Salomon - Fisiodelta. Per i tricolori, titolo di combinata per Rolando Piana e Silvia Serafini, mentre il Trofeo Giampiero Bragoni è stato vinto dalla Valetudo skyrunning Italia.
 
di Daniele Piovera
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa