logo1

Clamoroso a Gozzano, vince il Pavia 4-3

Clamoroso allo stadio D’Albertas: il Pavia vince sul campo della ex capolista per 4-3, giocando quasi tutto il secondo tempo in dieci

gaburro michele

 

Prima occasione per il Gozzano, dopo un quarto d’ora a ritmi bassi. Schema su corner al 14’: Guitto cerca e trova Perez, che però calcia alle stelle da buona posizione. A sorpresa, qualche istante prima del ventesimo, il Pavia si porta in vantaggio: punizione dal limite di Bartolini, che sorprende Gilli, non esente da colpe nella circostanza. Praticamente immediato il pareggio del Gozzano, al 26’: azione alla mano, Perez tocca fuori per Guitto, la cui conclusione è deviata da Mapelli che mette fuori causa De Toni. Le sorprese non sono finite: al 29’ altra punizione di Bartolini, ancora Gilli incerto e palla che si insacca sotto la traversa. Palla al centro, altro clamoroso errore di Gilli che sbaglia il passaggio ed innesca El Khayari, che lo salta e insacca a porta vuota. Gozzano spiazzato, ci mette un po’a riorganizzarsi, ma al 39’ la squadra di casa sfiora il secondo gol. Botta a colpo sicuro di Petris sugli sviluppi di un angolo, ma è il suo compagno Emiliano ad intercettare la palla diretta in porta. Nella ripresa Pavia in dieci all’8’: Mapelli stende Messias lanciato a rete e si becca il secondo giallo nel breve volgere di due minuti. Sulla successiva punizione, Guitto sfiora l’incrocio dei pali. In superiorità numerica si gioca ad una porta sola: al 13’, sinistro di Messias che il portiere ospiti mette di pungo in angolo. Sul corner, testa di Carboni e palla a lato.. La pressioneaumenta ed al 23’ arriva il 2-3: Segato innesca Petris, cross con il contagiri per Capogna che da un paio di metri accorcia le distanze. Tre minuti e si materializza il 3-3: sventola dalla distanza di Segato, respinta difettosa di De Toni ed ancora Capogna a porta vuota fa esplodere lo stadio D’Albertas. Ma gli orrori difensivi del Gozzano non sono finiti: al 33’ angolo regalato da Emiliano, palla in mezzo per Scognamiglio, che gode di grande libertà, si gira e trova l’angolino basso. Sfiora la cinquina il Pavia al 40’: punizione di Sabato, palla vicinissima al palo. Nel recupero sfiora due volte il 4-4 la squadra di casa: prima De Toni si riscatta dagli errori precedenti salvando con una parata prodigiosa su Lunardon, poi Carboni da un metro calcia incredibilmente a lato, mettendo così fine alle speranze dei rossoblu, che perdono il primato a vantaggio della Caronnese, capace di tornare con un punto dalla trasferta di Bra

Pin It

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa