logo1

Gand Wevelgem: Pippo Ganna protagonista con una lunga fuga…

ganna gandwevelgemDomenica con la Gand Wevelgem: Elisa Longo Borghini nella prova femminile lascia spazio alle velociste per il successo di Marta Bastianelli. La classica maschile va a Peter Sagan ma Filippo Ganna centra una lunga fuga e merita applausi per come è rimasto nel vivo della corsa… mercoledì sotto con la Dwaars Door Vlaanderen

E’ stata la Gand Wevelgem la corsa che sia Elisa Longo Borghini sia Filippo Ganna hanno corso ieri nelle Fiandre belga. Una delle classiche di maggior storicità tra le ‘classiche del nord’. Se negli anni passati la corsa era ad appannaggio dei velocisti (si ricordano la tripletta di Mario Cipollini che rivaleggiava con Djamolidine Abdoujaparov ma anche i due successo di Guido Bontempi negli anni 80) gli organizzatori della Flanders Classics l’hanno mantenuta con il finale in volata come più probabile ma hanno indurito il percorso e se in precedenza questo vedeva il Kemmelberg come unico muro oggi la corsa è maggiormente dura e la volata i velocisti hanno dovuto guadagnarsela. Nella prova femminile ad anticipare la classica dei maschietti il successo è andato in volata a Marta Bastianelli, al terzo successo stagionale. L’iridata di Stoccarda 2007 ha anticipato la belga Jooline d’Hoore (Mitchelton Scott) e Lisa Klein (Canyon Sram). Nulla da segnalare per Elisa Longo Borghini (Wiggle High 5). Bravo bravissimo Filippo Ganna nella corsa maschile. Il vignonese della UAE Team Emirates ha saputo centrare la fuga buona ad inizio corsa con Frison (Lotto), Gonçalves (Katusha), Duquennoy (Veranclassic), Van Goethem e Van Schip (Roompot). Vantaggio dei cinque fuggitivi su e giù per i muri che ha toccato i 5 minuti. Il gruppo, segnatamente la BMC e la Quick Step Floors iniziano a tirare e quando tornano sui primi su forma un gruppone con Sagan, Burghart, Debusschere, Frison, Viviani, Gilbert, Lampaert, Stybar, Naesen, Vanmarcke, Modolo, Demare, Trentin, Mezgec, Danny Van Poppel, Matthews, Stuyven, Van Hecke, Van Aert, Laporte e Van Keirsbulck. C’è anche Filippo che a 30 km dall’arrivo si stacca stremato dopo aver dato tanto alla fuga in atto, per lui un attacco di oltre 100 km: “E’ stata una grande esperienza oggi – ha detto nel post gara – ho ancora molto da imparare su questo genere di corse e su come si deve stare nel vivo di queste competizioni”. Diremmo che come prima esperienza nel vivo di una corsa dal nord come la Gand Wevelgem il ragazzo ha saputo fare cose buone, in vista del futuro. Lo sprint fiale lo ha vinto l’iridato Peter Sagan (Bora Hansgrohe) davanti a Elisa Viviani (Quick StepFloors) e ad Arnaud Demare (Groupama FDJ). Il bi iridato della pista correrà mercoledì la Dwaars Door Vlaanderen

GT

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Sport

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa