logo1

Glasgow 2018: l’Eurostar Italia di Ganna e Viviani è tutto d’oro

Straordinario il quartetto azzurro che finalmente è d'oro. Dopo aver staccato il miglior tempo di qualificazione e dopo aver eliminato i favoriti britannici in semifinale la gara conclusiva contro la Svizzera non è mai stata in discussione, domenica Ganna nell’individuale e Longo Borghini nella prova su strada.

ganna europei podio squadre

 

Campioni d’Europa ! Sono gli Europei della definitiva consacrazione del quartetto azzurro che dopo annate di crescita sale finalmente sul gradino più alto del podio di una grande manifestazione, è successo ieri alla Emirates Arena-Sir Chris Hoy Velodrome di Glasgow dove si svolgono le prove del ciclismo su pista in questa nuovissima manifestazione; gli European Championships, una sorta di mini olimpiade europea. Un oro meritatissimo che va ai ragazzi di Marco Villa, stratosferici soprattutto nella semifinale con la Gran Bretagna campione mondiale e olimpica in carica. Dopo il miglior crono in qualifica nella sezione pomeridiana Elia Viviani, Francesco Lamon, Liam Bertazzo e il nostro Filippo Ganna acciuffano praticamente sul filo di lana la finale, annichilendo i britannici con il tempo di 3’54”778. Nell’altra semifinale, la Svizzera supera i campioni in carica della Francia con un tempo molto più alto. La finale appare una formalità. Marco Villa, per non commettere errori e per mantenere alto il ritmo, sostituisce Liam Bertazzo con Michele Scartezzini. Il risultato però non cambia. Contro gli elvetici la prova non è mai in discussione e per la prima volta in 3:55.401, un quartetto maschile dell’Italia conquista il titolo continentale, regalando l’ennesima soddisfazione per il vignonese della UAE Team Emirates che da sempre fa parte di questo gruppo. “Non è mai facile quando sali in bici e disputi una gara – ha detto proprio Filippo Ganna - sapevamo di poter fare bene anche se l’avvicinamento a questo appuntamento, a causa della chiusura del velodromo di Montichiari, non è stato dei migliori. Poi abbiamo capito che il lavoro e la determinazione paga sempre. Con questo titolo europeo possiamo lavorare in modo tranquillo pensando a Tokyo2020”. Finita qui? Proprio no, domenica Ganna sarà in gara con la maglia iridata per conquistare un altro oro nella prova individuale mentre sempre domenica si correrà la prova su strada femminile con Elisa Longo Borghini nella squadra azzurra.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa