logo1

Tirreno Adriatico: cronosquadre alla Mitchelton Scott, quinto il Team Sky

tirrenoadriatico 2019Vittoria alla Mitchelton Scott nella prima tappa della Tirreno Adriatico, la prima cronosquadre di Lido di Camaiore, quinta la Sky di Filippo Ganna che paga 47’’, incidente alla Bora Hansgrohe, domeni frazione mossa verso Pomarance.

La Mitchelton - Scott ha vinto la Tappa 1 della Tirreno-Adriatico, la Cronometro a Squadre di Lido di Camaiore di 21,5 km, fermando i cronometri dopo 22’25”, alla media di 57,546 km/h. Secondo il Team Jumbo - Visma (22'32") e terzo il Team Sunweb (22'47"). Michael Hepburn (Mitchelton - Scott) è la prima Maglia Azzurra. Il Team Sky di Filippo Ganna ha chiuso al quinto posto con un ritardo di 47’’, perdendo Ian Stannard sa subito, peraltro anche il vignonese reduce da una brutta influenza non era al top. La prima maglia azzurra va a Michael Hepburn. La corsa peraltro è stata condizionata da un brutto incidente occorso alla Bora Hansgrohe quando un passante (probabilmente una persona sotto controllo sanitario, ha attraversato la strada proprio mentre passava la squadra, incurante dei richiami. Oscar Gatto lo ha centrato provocando anche la caduta di Rafal Majka I due corridori sono arrivati al traguardo, mentre il passante è stato ricoverato in ospedale. Poco dopo si è rischiata la stessa situazione proprio con la Mitchelton Scott poco prima dell’ultimo Km quando una signora con il cagnolino stava attraversando la strada proprio mentre passava la formazione. “Purtroppo queste cose non devono succedere – ha spiegato il direttore della manifestazione Mauro Vegni a Rai Sport - sul primo caso stiamo facendo delle indagini per capire meglio la situazione della persona, sul secondo caso mi chiedo come sia possibile, se la squadra arriva la si vede, non è possibile transennare tutto il tracciato di una gara, serve attenzione da parte del pubblico”. Domani prima frazione in linea da Camaiore a Pomarance di 195 km; una tappa mossa specialmente nella seconda parte con finale in salita. Partenza da Camaiore e attraverso Montamagno si raggiunge prima Pisa e poi il Livornese per abbandonare la parte completamente pianeggiante in prossimità di Collesalvetti dove cominciano le prime dolci ondulazioni. Si sale a Castellina Marittima (GPM) per raggiungere il rifornimento tra San Martino e Casino di Terra. Qui comincia la parte tecnicamente più impegnativa che sale a Canneto per affrontare il secondo GPM della corsa dei due Mari a Serrazzano. Si giunge quindi una prima volta a Pomarance da dove si affronta un “quasi-circuito” che porta a Saline di Volterra e di lì lungo la salita finale di 12 km circa con punte del 16%. Dopo Saline di Volterra si sale verso Cerreto con una salita lunga, ma molto irregolare che alterna tratti fino al 16% a tratti attorno al 2/3%. Finale pedalabile.

GT

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa